Ri#Belle, la bellezza che cura in mostra a Palazzo Fondi

da | Ott 11, 2019 | Cultura&Spettacolo

Ri#Belle, la bellezza che cura in mostra a Palazzo Fondi

La bellezza può essere uno strumento di cura? La pensa così il team di Orea Malià Parrucchieri che, in collaborazione con Davines Italia, ha portato avanti un progetto svoltosi nella sezione femminile della Casa Circondariale Rocco D’Amato di Bologna e che, si spera, verrà presto replicato nel capoluogo partenopeo includendo altre realtà sociali.

Nasce da qui la mostra Ri#BELLE, un racconto fotografico di un viaggio ai margini della dignità umana, che sarà presentato lunedì 14 ottobre alle ore 11,00 presso Palazzo Fondi, in via Medina 24.

Attraverso l’esperienza svolta con le donne “ai margini” della società, gli scatti fotografici di Federico Guerra hanno saputo cogliere le storie, i dolori e le speranze di un gruppo di donne detenute, che grazie a questa esperienza hanno potuto guardarsi allo specchio dopo molto tempo e “riscoprirsi”.

In altre parole, l’esperienza formativa non solo ha offerto una possibilità concreta a queste donne di imparare a tagliare e acconciare i capelli, ma anche e soprattutto ha permesso loro di apprezzare il valore della bellezza e della sua cura.

La mostra approda a Napoli per un mese, e grazie al supporto dell’Assessorato alle Politiche Sociali dell’amministrazione locale, non si esclude che vi possano essere repliche.

Alla conferenza stampa di presentazione parteciperanno Roberta Gaeta, Assessore alle Politiche Sociali; Roberto Grandi, Presidente Istituzione Bologna Musei; Marco Zanardi, Cofondatore Orea Malià; Lamberto Bisognin, Direttore Commerciale Davines; Francesco Muzio, Presidente Ancos Onlus Confartigianato, con la moderazione della giornalista de “Il Mattino” Mariagiovanna Capone.

Ri#BELLE
un progetto di OreArt Production ,Beatrice Baccarani e Marco Zanardi
Fotografie
Federico Guerra
Allestimento Palazzo Fondi
Grafiche
Dina& Solomon

una collaborazione
Kinodromo, ArteMisia, Davines, Vanta, Parlux
Fondazione Del Monte, CNA Bologna, Ass Cultura Bologna, Biblioteca Sala Borsa, Marino Golinelli, Ass, Welfare Comune di Napoli, Ninetynine srl Divisione Urban Value

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te