Torna il razzismo nei confronti delle aziende del Sud.

da | Set 16, 2019 | Calcio Napoli

Non è solo Francesco Terrone. La sensazione che ci sia un odio particolare contro i meridionali diventa sempre più una certezza. Un collaboratore della Sidelmed Spa, di cui è presidente e amministratore l’ing. Francesco Terrone, dà la sua testimonianza del clima di chiusura e di preclusione nei confronti di un Sud che, nonostante tutto, è ancora vivo.

“Buongiorno ingegnere Terrone, mi preme constatare alla sua cortese attenzione che è stata una settimana di lavoro negativa sotto tutti gli aspetti. In effetti  mi sono scontrato con una realtĂ  lavorativa diffidente nei confronti della nostra Azienda( meridionale) operante al Nord. Tutta la settimana trascorsa con le mie 7/8 visite giornaliere visitando alberghi, imprese edili, noleggiatori di attrezzature ecc ecc.. è stata caratterizzata da tante avversitĂ  e forte diffidenza nei confronti dell’Azienda che rappresento, proprio perchè appartenente al Sud. A tal proposito menziono un cliente( dopo essermi presentato con la professionalitĂ  che contraddistingue il mio lavoro),che dopo aver illustrato allo stesso,il folder di presentazione dell’Azienda,mi chiedeva come mai la sede centrale si trova a San Severino e soprattutto perchè operiamo al Nord.  Il cliente peraltro, con aria saccente sottolineava quanto il Nord sia coperto da importanti aziende del settore. Naturalmente alquanto incredulo a tutto ciò che avevo sentito, al cliente ho risposto che l’Azienda Sidelmed  è una realtĂ  importante del settore, operando in tutta Italia con ingegneri professionali e collaboratori validi e preziosi. A quel punto dopo aver ribadito chi siamo sono andato via alquanto esterefatto e deluso per la settimana trascorsa lavorativa su una zona ( la Brianza),dove ho constatato che le Aziende del Sud faranno fatica a sviluppare il proprio lavoro. Ingegnere mi premeva inviarle queste due righe di commento alquanto negativo relative alla zona visitata. Per fortuna la Lombardia  non è tutta così.”

Cordiali saluti

De Girolamo Silvio

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te