Il commento di Massimo Sparnelli, giornalista ed ex addetto stampa del Napoli al comunicato diramato dal Liverpool contente una serie di “discutibili” raccomandazioni della società inglese ai propri tifosi in vista della trasferta di Champions contro il Napoli di domani

“You’ll never walk alone”. Il Liverpool deve aver preso proprio alla lettera il titolo del proprio celeberrimo inno: “Non camminerai mai da solo”. Al punto da ordinare ai propri tifosi che seguiranno la trasferta a Napoli di non camminare mai da soli, bensì di rimanere sempre in gruppo, come una Falange armata, perché nella nostra città sarebbero a rischio di aggressioni e rapine. Come se si fosse di fronte a un “Fight Club” a cielo aperto.

Un comunicato dal vago sapore di “ventennio fascista” allorquando regnava il Min.Cul.Pop e la stampa di regime. Un documento che sarebbe vergognoso anche se fosse stato stilato da un gruppo ultrà inglese, figuriamoci se viene redatto dal Club Campione d’Europa, una delle Società più nobili e titolate del Mondo. Ma in questo caso si tratta di nobiltà decaduta, così come contestualmente decade lo stile e il buon gusto verso una deriva di diseducazione.

Si fa tanto parlare dei cori razzisti da stadio e delle forme di discriminazione etnica. Bene, se è possibile, questo comunicato del Liverpool evoca a sé una delle più alte ed endemiche forme di razzismo, quello silente, serpeggiante, che è intriso nel tessuto sociale, incancrenito al punto che nessuno ha il minimo impeto di indignazione, tale è il livello di tacita assuefazione. E invece no, è il caso di indignarsi e di ribellarsi a questa accozzaglia di stereotipi appartenenti alla più sdrucita e dileggiante oleografia napoletana.

Napoli è la Capitale del Sud, orgoglio del Regno Borbonico, che non solo è ancora vivo ma arde di un fuoco inalienabile, di una alchimia irrefrenabile e di una cultura che potrebbe provvedere al fabbisogno di mezzo Mondo. Ad oggi Napoli è tra le Top 5 delle città più visitate nel 2019 con un incremento di turismo che va oltre il 108%. Una città che gode di una crescita esponenziale di immagine e di gradimento, grazie al nostro immenso patrimonio sia territoriale che umano.

Evocare i tempi di “Pappagone” di una stropicciata Napoli ladrona, equivale ad uniformarsi a perniciosi luoghi comuni. Sarebbe come dire ai tifosi del Napoli di non andare a seguire il match di ritorno a Liverpool perché rischiano una nuova strage dell’Heysel. Credo che sua Maestà la Regina non avrebbe piacere ad essere imbrattata di una macchia così infamante.

Perciò cari amici miei nobili figli dei Beatles e dell’arte pedatoria dei Reds, venite a Napoli con tutta tranquillità, siete i benvenuti. Perché è vero: “you’ll never walk alone”. Non camminerete mai soli, ma sarete accompagnati in ogni angolo di strada dalla nostra arte, dal nostro humus unico, dalla nostra filosofia, dal nostro sorriso, dalla nostra bellezza. E soprattutto dalla nostra straordinaria, inimitabile e infinita Storia.

Di seguito il tweet con il comunicato del Liverpool: