Doppio Mertens, il Napoli vince nella prima partita al San Paolo di questo campionato

da | Set 14, 2019 | Calcio Napoli

Due volte Mertens a segno nella prima gara al San Paolo di questo campionato, la Sampdoria esce ancora una volta sconfitta dall’impianto di Fuorigrotta.

Per la prima partita di campionato al San Paolo con il nuovo look, il Napoli sfodera una buona prestazione che mette ko i blucerchiati. A salire in cattedra è Dries Ciro Mertens che con una doppietta, dedicata alla gravidanza della sua compagna, stende una buona Sampdoria che più volte è andata vicino al gol.

La partita inizia con buone trame di gioco da parte dei ragazzi di Eusebio di Francesco, ma a trovare per prima il gol è il Napoli con il solito Mertens, al minuto 13 Dires sfrutta l’assist del numero 22 Di Lorenzo e sblocca il risultato. Poco dopo gli azzurri vanno vicino al raddoppio, prima con Elmas, poi ancora una volta con Mertens che sugli sviluppi di un angolo, colpisce la traversa con Audero ormai battuto e sulla ripartenza, è il Napoli a rischiare di subire gol, come successo nella scorsa partita a Torino, con la difesa messa male a presentarsi solo a tu per tu con Meret è Rigoni che piazza la sfera, ma l’estremo difensore azzurro con un miracolo devia in angolo. L’unico più pericoloso della Sampdoria è Quagliarella, l’attaccante Stabiese è il più combattivo dei doriani e più volte sfiora il gol con tiri dal limite dell’aria azzurra. Il raddoppio del Napoli arriva nel secondo tempo quando, il “Re Leone” appena subentrato a Lozano, con una freddezza da campione davanti ad Audero pesca Mertens a centro area che raddoppia mettendo in cassaforte i tre punti azzurri.

Da evidenziare la buonissima prestazione di Elmas, alla prima da titolare, il giovane macedone è uno dei migliori in campo, sempre ordinato nel suo ruolo combattivo a centrocampo con inserimenti che più volte creano non pochi grattacapi a doriani. Sostituito al minuto 76 da Insigne, esce tra gli applausi. Altra nota positiva è Lozano, in più occasioni ha acceso il pubblico con tocchi e percussioni da talento puro. Da rivedere la difesa, nonostante non abbia subito gol, ancora una volta non ha dato sensazioni di essere solida costringendo il giovane Meret ad alcuni straordinari. Buona comunque la prestazione di tutta la squadra che dopo il triplice fischio, sposta tutte le sue attenzioni sulla super sfida di martedì sera contro il Liverpool campione d’Europa.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te