Premiato a Ischia Silvio Smeraglia, per l’innovazione nella chirurgia estetica e ricostruttiva

da | Ago 4, 2019 | Cultura&Spettacolo

di Tina Incarnato
Un professionista, un medico specializzato in chirurgia estetica, che in questi anni ha saputo valorizzare la propria scienza, non solo da un punto di vista tecnico nella pratica degli interventi eseguiti su centinaia di pazienti, ma soprattutto sotto il profilo umano e psicologico. Innovatore a 360 gradi oltre che provetto chirurgo plastico di fama internazionale, il Prof. Silvio Smeraglia ha ricevuto – nell’incantevole scenario della baia di Cartaromana alla Torre Michelangelo – il premio “I Love Ischia 2019″ che gli è stato attribuito non solo per le sue comprovate capacità, ma anche per l’amore che il noto chirurgo nutre per le bellezze naturali dell’isola verde dove conta tanti amici. E proprio lo scenario meraviglioso della baia di Cartaromana, con il Castello Aragonese a far da sfondo, ha reso chiaro il concetto della bellezza naturale associata all’eleganza di ciò che può favorire la chirurgia estetica se volta al conseguimento di un sogno personale. Sostenitore convinto dell’idea che il “bello rende felici!”, Smeraglia mette in pratica ogni giorno ciò che il padre della psicologia positiva, Martin Selingman, sosteneva da tempo. E che cioè, il 60 per cento della felicità è determinata dai nostri geni e dall’ambiente, ma che il restante 40 per cento dipende da noi. Smeraglia ha dunque fatto in modo di applicare questo concetto unendo al desiderio profondo di cambiamento, anche la consapevolezza del progresso raggiunto con un intervento equilibrato e non invasivo, unito al meritato relax psicologico post operatorio. Una unione perfetta quella fra l’amata isola d’Ischia e Smeraglia, con il benessere che facilita la consapevolezza del bello trasformandolo in energia positività e fiducia in se stessi. Di fondo resta un gran bel lavoro di squadra fornita dall’equipe medica del professore, arricchito dal supporto fondamentale del Counselor Psychology, il dottor Davide Radicioli, che rende possibile l’interpretazione e la realizzazione delle richiesta dei pazienti.  Un metodo innovativo che dunque coniuga la comprovata abilità del chirurgo alle esigenze di ogni singolo paziente in cerca di motivazioni e di supporto alle sue scelte. Insomma un sogno che diventa realtà! Conduttrice d’eccezione della serata è stata Maria Giovanna Elmi, una donna che da sempre con la sua bellezza senza età e la sua freschezza da show woman, ha saputo introdurre al meglio l’attività di Smeraglia e della sua équipe.
Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te