Ebec Final, la sfida per gli ingegneri del domani

da | Lug 27, 2019 | Cronaca

 

di Fabrizio Di Gennaro

Dal 25 al 31 luglio 120 studenti d’ingegneria, provenienti da tutta Europa, si stanno sfidando al Politecnico di Torino in sei giorni di competizion per l’Ebec European BestEngineering Competition, una competizione annuale organizzata dall’associazione BEST – Board of European Students of Technology. Ogni anno l’evento coinvolge circa 6500 studenti che si sfidano in 84 round locali in tutta Europa, i cui vincitori accedono ai 13 round Nazionali e Regionali; solo i migliori 120 studenti prendono parte alla finale europea: Ebec Final.

Partecipanti, organizzatori e rappresentanti di aziende e università si sono incontrati ieri al Mauto, museo dell’automobile di Torino per la cerimonia di apertura.

L’evento è iniziato con una splendida performance del conservatorio di Torino, seguita dai saluti di Greta Gasperoni, Presidente di BEST Politecnico di Torino, Monica Dziembowska, EBEC Coordinator, Marco Tuccio, Project Manager e Elisa Armando dall’Ufficio per la Mobilità Internazionale del Politecnico di Torino. In seguito, le aziende partner dell’evento Fca, AvioAero, ABB, Danieli, Škoda e Eaton si sono presentate agli studenti, intervallate da una nuova esibizione del conservatorio e alcune pause per permettere a studenti, aziende e organizzatori di conosceri, scattare qualche foto nell’area apposita e godersi i pasti.

Gli studenti di Best hanno dimostrato che Ebec e il network stesso non sono solo concentrati solo sul lavoro e l’incontrare aziende, finché motivazione e ispirazione li guidano e allo stesso modo hanno voluto motivare e ispirare il pubblico presente all’evento attraverso il discorso di Enrico Risi, capo dell’ufficio vendite Emea in Chronicle:

“Solo di poche cose abbiamo il controllo nella nostra vita e i nostri obiettivi sono tra queste. Mirate sempre lontano per atterrare bene”.

Il suo invito a fissare obiettivi ambiziosi è stato solo una parte del suo discorso, seguito dalla Knowledge Fair, in cui gli studenti hanno avuto l’opportunità di condividere e accrescere le proprie conoscenze parlando con Start up locali e realtà di tipo diverso, deliziati da un meraviglioso accompagnamento musicale.

Molte emozioni ed esperienze sono state vissute e molto altro deve ancora succedere. Nei giorni seguenti si svolgeranno quattro giornate di lavoro al Politecnico di Torino, dove
gli studenti saranno divisi in due categorie: il Case Study, prova teorica, e il Team Design,
prova pratica. Le sfide proposte saranno realizzate in collaborazione con aziende nazionali e
internazionali: Avio Aero, ABB, Danieli, Skoda, FCA e Eaton. Per l’Official Closing della competizione si tornerà al Museo dell’Automobile, dove oltre alla premiazione dei vincitori si
terrà una Career Fair, a cui parteciperanno aziende come CNH Industrial, Nestlè e Atos.

Tra gli obiettivi vi sono sviluppare la creatività, il teamwork e le abilità
manageriali, offrendo agli studenti la possibilità di testare le loro conoscenze teoriche e
abilità pratiche con sfide interdisciplinari: un’opportunità di crescita per gli studenti che hanno voglia di mettersi in gioco.

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Nella serata di martedì i Carabinieri della compagnia Vomero vengono allertati per un giovane ferito presso il McDonald?s di via Giovanni Merliani. Dai primi accertamenti ancora in corso pare che un 19enne rider, verso le 20:30, sia stato accerchiato da un gruppo di...

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Nei giorni scorsi una gazzella della sezione  radiomobile della compagnia di Torre Annunziata era impegnata in un servizio alto impatto disposto dalla locale compagnia. La pattuglia mentre stava percorrendo  viale Pastore Raffaele ha notato che ignoti - non si sa...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te