Bob Geldof, leggenda di Live Aid, da Ischia fa appello contro i nazionalismi

da | Lug 18, 2019 | Cronaca

di Tina Incarnato

Un “no” deciso a chi nel Mondo alimenta paure e vuole creare barriere alla reciproca comprensione fra esseri umani.È un vero e proprio appello a reagire contro il dilagare di sovranismi e nazionalismi, dagli Usa di Trump all’Italia di Salvini. È questo il messaggio forte lanciato dal palco dell’Ischia Global Film & Music Festival, da Bob Geldof, insignito per l’iccasione del premio Ischia Humanitarian Award. Contro il dilagare di muri e confini che non servono a nulla, si scaglia il noto artista e attivista inventore del Live Aid e tuttora simbolo dell’impegno civile nel mondo della musica, per rappresentare la realtà di milioni e milioni di persone in viaggio verso una esistenza migliore. “Metto in guardia anche gli italiani dal virus del nazionalismo che si sta diffondendo in molti paesi, Stati Uniti compresi” ha detto Geldof alla platea del Global. “Respingere queste persone è sbagliato. Sono irlandese, conosco i danni del nazionalismo, ringrazio sempre l’Inghilterra per avermi accolto» dice prima di presentare per la prima volta in Italia un documentario al quale tiene moltissimo: ‘A Fanatic Heart: Geldof on Yeats’, dedicato alla vita di uno dei più grandi poeti del 900, l’irlandese William Butle Yeats, premio Nobel, con letture di Bill Nighy, Van Morrison, Richard E. Grant, Colin Farrell, Bono, Edna ÒBrien, Ardal ÒHanlon, Noel Gallagher e Liam Neeson. Accompagnato dalla presidentessa onoraria del Festival Trudie Styler, Geldof nelle giornate ischitane ha partecipato al Social cinema forum promosso dal Global Festival con il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, e all’Italian Music Summer Summit, promosso con la Siae. Si è piaciuto in Bohemian Rhapsody? «Ho preferito evitare, non mi piacerebbe vedermi come un personaggio sullo schermo. Sono felicissimo però del grande successo di questo film. Alcune parti che riguardavano il Live Aid sono romanzate per esigenze drammaturgiche, ma non è un problema». Ed a proposito della eventualità di organizzare a distanza di così tanti anni un nuovo Live Aid? «Sicuramente avrebbe un impatto diverso, oggi si comunica in tutt’altro modo. Quell’avventura nacque per caso, dalla mia rabbia quando seppi che 30 milioni di persone in Africa rischiavano di morire di fame».

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te