Debiti e contabilità creativa: la Serie A sull’orlo del crac

da | Lug 9, 2019 | Sport

di Paolo Trapani *

Stando agli ultimi dati contabili ufficiali, la Serie A ha accumulato, complessivamente, 3,6 miliardi di euro di debiti. È un’enormità, che rischia di far esplodere tutto il sistema calcistico nazionale. Ed a preoccupare ulteriormente è il volume, divenuto ormai impressionante, delle plusvalenze.

Le plusvalenze rappresentano, tecnicamente, l’aumento di valore di un bene rispetto al suo costo o valore precedente (nel caso delle aziende sportive si riferiscono ovviamente ai valori di acquisto e vendita dei calciatori). Naturalmente sono legittime ma il continuo ricorso a questo strumento di bilancio, che tutte le società sportive praticano, sopratutto scambiandosi continuamente calciatori o vendendoli e comprandoli vicendevolmente, ha generato ormai un fenomeno fuori controllo.

Nel solo 2017 hanno toccato quota 749 milioni di euro. Tra il 1° luglio 2018 ed il 30 giugno 2019, i club della massima serie hanno fatto registrare, complessivamente, 717 milioni di plusvalenze. Un vero e proprio boom che adesso rappresenta una bolla contabile sul punto di esplodere. Molte plusvalenze di fatto non sembrano lineari e trasparenti. Gli ultimi preoccupanti dati sono emersi da un’analisi sui conti del calcio pubblicata dal quotidiano “La Repubblica”.

La cifra-monstre di 717 milioni di euro dell’ultimo anno vede protagonisti sopratutto due club che insieme hanno prodotto un terzo del volume complessivo delle plusvalenze totali: sono Juventus e Roma, che hanno inserito nei rispettivi bilanci 113 e 132 milioni di euro di plusvalenze. Così facendo le due squadre hanno fatto avere ai propri bilanci una forte boccata di ossigeno, ma a ben guardare si tratta di mera apparenza numerica: forma contabile, ma non sostanza economica.

«Non è un caso» – scrive sempre ‘Repubblica’ – che «la Juventus è il club che spende di più per pagare gli stipendi ai propri tesserati, la Roma è tra quelle che spendono di più sul mercato, appesantendo il bilancio di costi altissimi per i cartellini. D’altronde, più vendi, per lucrare plusvalenze, più dovrai comprare. Più compri, più appesantisci i conti. Un circolo vizioso che si autoalimenta fino a che la bolla non esploderà».

Insomma le plusvalenze rappresentano una bolla che, secondo molti esperti, rischia di esplodere da un momento all’altro. Se così fosse si potrebbe generare un crac senza precedenti e dalle conseguenze inimmaginabili.

I segnali di allarme, d’altre parte, ci sono tutti e da tempo la Figc e la Lega calcio hanno segnalato come numerosi bilanci siano fuori controllo.

Una delle spie di allarme più significative si è accesa lo scorso 10 marzo ‘19, durante la popolare trasmissione della ‘Domenica Sportiva’: il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina ha parlato, apertamente, della questione plusvalenze. «È nostro compito – ha detto – attenzionare plusvalenze e scambi sospetti. Tutti gli scambi senza finanza vanno segnalati alla Procura e segnaleremo alle società di revisione se alcuni elementi danno sospetti, facendole intervenire. E obbligheranno una svalutazione della plusvalenza fittizia».

Dunque, in sintesi, i bilanci di molte società rischiano di saltare, perché sia il continuo ricorso alle plusvalenze sia la loro reale consistenza rappresentano lo specchio della crisi, la patologia del sistema italiano. 

Considerando l’impennata di debiti (cresciuti del 90%) che si è registrata negli ultimi esercizi contabili (oltre 500 milioni di euro), ad oggi appare la Juventus tra le società più esposte. Il fatto che, insieme alla Roma, sia l’azienda che più utilizza le plusvalenze per far quadrare i conti denota un ulteriore elemento di rischio, economico e finanziario. Che fa il paio con la scelta, ardita e pericolosa, dei mesi scorsi, che ha visto la società bianconera fare ricorso all’emissione di un bond (denominato “CR7 bond”) le cui evoluzioni sono tutt’altro che sicure per gli investitori. Si tratta di una complessa ed al tempo stesso ambiziosa operazione finanziaria che necessita di un bilancio sano e sostenibile al 101% per tenersi in piedi. Un fatto questo che ad oggi è sempre meno garantito e che, se venisse meno, potrebbe trascinare il sistema calcistico nazionale nel baratro. La Juventus è ad oggi l’azienda più grande per fatturato e per volume economico generale. La sua eventuale crisi non resterebbe isolata dal resto del sistema. 

* Autore del libro “Maledetta Juve” – pubblicato a novembre 2017

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

“È stata un'edizione del gran premio Lotteria memorabile e poco prevedibile come nelle attese, perché tanti i campioni in campo, tanti i motivi e i retroscena di una delle più belle edizioni di sempre. A parte il vincitore Zacon Gio in binomio con Telethon, i...

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Col fiato sospeso e col cuore in gola. Perché per il calcio la prossima settimana fino al 18 maggio saranno giorni decisivi. Dopo il via dato dalla cancelliera Merkel alla ripartenza della Bundesliga e i buoni propositi dei governi spagnolo e inglese per Liga e...

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

La teoria evoluzionistica di Darwin parte da un concetto fondamentale che è la capacità di adattamento degli esseri viventi, non necessariamente solo l’uomo, alle modificazioni dell’ambiente e di altri fattori naturali che possono intervenire. Trasmutando i fatti,...

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Ancora non sono riuscito a capire se il ministro Vincenzo Spadafora si stia comportando con il calcio e tutte le sue componenti come il bimbo che porta il pallone nel parco o nel cortile di casa che vuole decidere lui solo chi degli altri bimbi deve giocare, come deve...

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

È diventato un braccio di ferro, politico ma non solo. Economico, sociale, ideologico? C'è di tutto dietro il “no” alla ripresa degli allenamenti di calcio per le società il 4 maggio prossimo. Ma c'è soprattutto l'arroganza, quella dell'inusuale tandem politico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te