Il pane dei poveri: dalle origini ai giorni nostri la solidarietà che continua

da | Giu 26, 2019 | Cronaca

A Napoli sono sempre di più le iniziative di negozi, locali e ristoranti rivolte ai meno abbienti, sempre maggiori le occasioni di solidarietà e condivisione col meno fortunato, con l’ultimo.

Dal caffè sospeso, antica tradizione napoletana di pagare un caffè per un occasionale passante indigente che non può permetterselo al pane per i poveri, una nobile tradizione che mette a disposizione dei poveri il pane avanzato e invenduto.

Il bel gesto è stato compiuto lo scorso anno, nell’aprile del 2018, da Adolfo Orabona, proprietario di “aprezzodicosto”, salumeria sita in via Domenico Fontana nel quartiere Arenella. A fine giornata il titolare riponeva in una cesta fuori dal negozio tutto il pane invenduto della giornata apponendo un foglio con la scritta “Questo pane non è in vendita. Se ti serve, prendilo”. Dopo una ventina di minuti il pane era già terminato, preso dai senza fissa dimora e dai meno abbienti. Pare che oggi il pane avanzato della salumeria “aprezzodicosto” sia ancora lì per chi ne abbia bisogno integrato con del pancarrè nel caso quello casereccio fosse terminato in giornata.

E sull’esempio del signor Orabona ha operato ora anche la panetteria “Anema&Core” ( e non ci si poteva aspettare diversamente dal suo nome! ) in Via Cilea, nel quartiere Vomero. Anche qui a fine giornata viene lasciato il pane avanzato in buste chiuse con la scritta “per chi ha fame”.

Ma il “pane dei poveri” ha una tradizione molto antica legata tra l’altro a Sant’Antonio. Pare che una giovane madre lasciò da solo per un breve lasso di tempo il suo piccolo bimbo di 20 mesi, Tommasino, e al suo rientro lo trovò affogato in un mastello d’acqua. Così la donna invocò Sant’Antonio vincolandosi ad un voto: se avesse avuto la grazia di riavere il suo bambino, avrebbe donato ogni anno ai poveri, nel giorno di Sant’Antonio ( 13 giugno ), tanto pane quanto il peso del suo stesso bimbo. Il bambino tornò in vita e la donna rispettò il voto e diede vita ad una tradizione, quella del “pondus pueri” ( dal latino= peso del bambino ) in base alla quale le madri chiedevano protezione a Sant’Antonio per il loro figlio in cambio dell’offerta di una quantità di pane pari al peso del piccolo stesso. Ancora oggi il 13 giugno in tutte le chiese francescane o comunque legate alla figura di Sant’Antonio vengono benedette ceste di pane che poi viene distribuito ai fedeli e da questi consumato per devozione. Il miracolo di Tommasino ha dato origine all’Opera del Pane dei Poveri e alla Caritas Antoniana che sono due organizzazioni religiose che si occupano di fornire cibo e beni di prima necessità ai più poveri.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te