Il pane dei poveri: dalle origini ai giorni nostri la solidarietà che continua

da | Giu 26, 2019 | Cronaca

A Napoli sono sempre di più le iniziative di negozi, locali e ristoranti rivolte ai meno abbienti, sempre maggiori le occasioni di solidarietà e condivisione col meno fortunato, con l’ultimo.

Dal caffè sospeso, antica tradizione napoletana di pagare un caffè per un occasionale passante indigente che non può permetterselo al pane per i poveri, una nobile tradizione che mette a disposizione dei poveri il pane avanzato e invenduto.

Il bel gesto è stato compiuto lo scorso anno, nell’aprile del 2018, da Adolfo Orabona, proprietario di “aprezzodicosto”, salumeria sita in via Domenico Fontana nel quartiere Arenella. A fine giornata il titolare riponeva in una cesta fuori dal negozio tutto il pane invenduto della giornata apponendo un foglio con la scritta “Questo pane non è in vendita. Se ti serve, prendilo”. Dopo una ventina di minuti il pane era già terminato, preso dai senza fissa dimora e dai meno abbienti. Pare che oggi il pane avanzato della salumeria “aprezzodicosto” sia ancora lì per chi ne abbia bisogno integrato con del pancarrè nel caso quello casereccio fosse terminato in giornata.

E sull’esempio del signor Orabona ha operato ora anche la panetteria “Anema&Core” ( e non ci si poteva aspettare diversamente dal suo nome! ) in Via Cilea, nel quartiere Vomero. Anche qui a fine giornata viene lasciato il pane avanzato in buste chiuse con la scritta “per chi ha fame”.

Ma il “pane dei poveri” ha una tradizione molto antica legata tra l’altro a Sant’Antonio. Pare che una giovane madre lasciò da solo per un breve lasso di tempo il suo piccolo bimbo di 20 mesi, Tommasino, e al suo rientro lo trovò affogato in un mastello d’acqua. Così la donna invocò Sant’Antonio vincolandosi ad un voto: se avesse avuto la grazia di riavere il suo bambino, avrebbe donato ogni anno ai poveri, nel giorno di Sant’Antonio ( 13 giugno ), tanto pane quanto il peso del suo stesso bimbo. Il bambino tornò in vita e la donna rispettò il voto e diede vita ad una tradizione, quella del “pondus pueri” ( dal latino= peso del bambino ) in base alla quale le madri chiedevano protezione a Sant’Antonio per il loro figlio in cambio dell’offerta di una quantità di pane pari al peso del piccolo stesso. Ancora oggi il 13 giugno in tutte le chiese francescane o comunque legate alla figura di Sant’Antonio vengono benedette ceste di pane che poi viene distribuito ai fedeli e da questi consumato per devozione. Il miracolo di Tommasino ha dato origine all’Opera del Pane dei Poveri e alla Caritas Antoniana che sono due organizzazioni religiose che si occupano di fornire cibo e beni di prima necessità ai più poveri.

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con livello di criticità idrogeologica per temporali di colore Giallo valevole a partire dalla mezzanotte e fino alle 23.59 di domani sulle seguenti zone: 1 (Piana Campana, Napoli,...

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Oggi sentiamo spesso parlare di casinò e di gioco d’azzardo, soprattutto per via del boom della loro controparte digitale registrato negli ultimi anni. Se è vero che il gambling si sta trasferendo in maniera sempre più consistente sul web, il fascino di alcune città...

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te