Il pane dei poveri: dalle origini ai giorni nostri la solidarietà che continua

da | Giu 26, 2019 | Cronaca

A Napoli sono sempre di più le iniziative di negozi, locali e ristoranti rivolte ai meno abbienti, sempre maggiori le occasioni di solidarietà e condivisione col meno fortunato, con l’ultimo.

Dal caffè sospeso, antica tradizione napoletana di pagare un caffè per un occasionale passante indigente che non può permetterselo al pane per i poveri, una nobile tradizione che mette a disposizione dei poveri il pane avanzato e invenduto.

Il bel gesto è stato compiuto lo scorso anno, nell’aprile del 2018, da Adolfo Orabona, proprietario di “aprezzodicosto”, salumeria sita in via Domenico Fontana nel quartiere Arenella. A fine giornata il titolare riponeva in una cesta fuori dal negozio tutto il pane invenduto della giornata apponendo un foglio con la scritta “Questo pane non è in vendita. Se ti serve, prendilo”. Dopo una ventina di minuti il pane era già terminato, preso dai senza fissa dimora e dai meno abbienti. Pare che oggi il pane avanzato della salumeria “aprezzodicosto” sia ancora lì per chi ne abbia bisogno integrato con del pancarrè nel caso quello casereccio fosse terminato in giornata.

E sull’esempio del signor Orabona ha operato ora anche la panetteria “Anema&Core” ( e non ci si poteva aspettare diversamente dal suo nome! ) in Via Cilea, nel quartiere Vomero. Anche qui a fine giornata viene lasciato il pane avanzato in buste chiuse con la scritta “per chi ha fame”.

Ma il “pane dei poveri” ha una tradizione molto antica legata tra l’altro a Sant’Antonio. Pare che una giovane madre lasciò da solo per un breve lasso di tempo il suo piccolo bimbo di 20 mesi, Tommasino, e al suo rientro lo trovò affogato in un mastello d’acqua. Così la donna invocò Sant’Antonio vincolandosi ad un voto: se avesse avuto la grazia di riavere il suo bambino, avrebbe donato ogni anno ai poveri, nel giorno di Sant’Antonio ( 13 giugno ), tanto pane quanto il peso del suo stesso bimbo. Il bambino tornò in vita e la donna rispettò il voto e diede vita ad una tradizione, quella del “pondus pueri” ( dal latino= peso del bambino ) in base alla quale le madri chiedevano protezione a Sant’Antonio per il loro figlio in cambio dell’offerta di una quantità di pane pari al peso del piccolo stesso. Ancora oggi il 13 giugno in tutte le chiese francescane o comunque legate alla figura di Sant’Antonio vengono benedette ceste di pane che poi viene distribuito ai fedeli e da questi consumato per devozione. Il miracolo di Tommasino ha dato origine all’Opera del Pane dei Poveri e alla Caritas Antoniana che sono due organizzazioni religiose che si occupano di fornire cibo e beni di prima necessità ai più poveri.

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia Metropolitana, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te