“Il diario di Carmela”: fuga dalla realtà targata Vincenzo Caiazzo

da | Giu 20, 2019 | Cultura&Spettacolo

Il diario di Carmela”, di Vincenzo Caiazzo, è uno dei film in concorso nell’ambito della rassegna “Ischia Film Festival” che si terrà a Ischia dal 29 giugno al 6 luglio e rientra nella sezione Scenari Campani.

Il film si ambienta a Piano Napoli, quartiere di Boscoreale, comune ai piedi del Vesuvio considerato una delle principali zone di spaccio di tutta la provincia di Napoli. E’ qui che vive la famiglia Esposito con Carmela ( Mariasole Di Maio ), la quindicenne protagonista del film, sua madre Maria ( Titti Nuzzolese ) e suo fratello maggiore Ciro ( Ciro Basco ). Col marito in carcere Maria, per sbarcare il lunario, costringe i suoi due figli a lavorare per la piazza di spaccio di famiglia ma quando nel quartiere si scatenano le lotte tra i clan, Carmela è costretta a rimanere chiusa in casa, con le finestre sigillate, rinunciando a tutto, perfino alla scuola. Unica àncora di salvezza e compagno di viaggio in questa immensa solitudine resta il suo diario sul quale è solita appuntare pensieri, frasi, emozioni e stati d’animo.

La prigionia casalinga in cui si ritrova catapultata Carmela non è poi così diversa dalla prigionia psicologica precedente. Carmela è galeotta di un contesto, di una situazione, di uno status in cui si è ritrovata senza volerlo, è reclusa in una realtà in cui è nata suo malgrado che non le piace, che le sta stretta. A Carmela piace studiare, leggere e ascoltare musica jazz, come tutte le altre ragazze della sua età, a scuola è il top delle allieve, non vuole spacciar droga, non vuole delinquere, non è la sua volontà ma vi è costretta dalla sua stessa famiglia, dal suo stesso sangue a cui non può e non deve ribellarsi, perché è questa la regola numero uno della famiglia: obbedienza. Chi ama ubbidisce, chi ubbidisce appartiene alla famiglia; chi si ribella non ama, chi si ribella non è più parte della famiglia. Il diario per Carmela diventa quindi una valvola di sfogo. Apparentemente è la figlia obbediente, la reclusa, la spacciatrice, la delinquente ma nel diario invece è se stessa, amante della cultura e della musica, della libertà, dell’arte e degli ideali. Carmela, come moltissime altre ragazze che rappresenta, non può essere purtroppo ciò che vuole ma ciò che deve e si ritrova ancorata ad un diario per esprimere i suoi veri sentimenti, le sue vere passioni, il suo vero essere. Il diario diventa il suo rifugio, il suo nascondiglio da un mondo di disagio e sofferenza. In questo alternarsi di identità Carmela intanto cresce in una realtà deviata dove il bene e il male si confondono e dove lei stessa non sa più quale sia il sentiero più giusto da percorrere.

Chiudiamo con le note di regia di Vincenzo Caiazzo che afferma che “Le storie non sono mai banali né ripetitive. La storia del mondo è un susseguirsi di storie. Non ripetitive, al limite analoghe, perché muta sempre lo scenario: temporale, sociale, economico, culturale, politico e altro. La storia di Carmela non è un “muschillo” ma identità più complessa e diversa. E, soprattutto, perché il diario è insieme luce e speranza. Carmela non vuole morire come identità e valori diversi dall’asfittica realtà che la opprime ma non la annienta.”

Vincenzo Caiazzo, nato a Napoli nel marzo 1979, ha realizzato numerosi cortometraggi e mediometraggi premiati dalla critica come “La Fondue”, prodotto da Fandango e in onda su Sky Cinema autore, “Rum & Coca”, “La città della pioggia”, “Specchi Riflessi”, “The Hyperrealism theory”, “Dogs, naso di cane”. “Il diario di Carmela” è la sua opera prima presentato al Festival Rivelazioni 2018 Milano, al cinema dallo scorso 17 maggio e in concorso all’Ischia Film Festival sezione Scenari Campani.

 

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te