Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

da | Giu 11, 2019 | Sud100cento

Cenerentola, favola dei fratelli Grimm, diventata famosa soprattutto per la trasposizione cinematografica Disney, in realtà era una fiaba del ‘600 di Giambattista Basile: La Gatta Cenerentola. Faceva parte della collana “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille”, una raccolta di 50 fiabe scritte in napoletano dal Basile e conosciuta anche come Pentamerone, strutturalmente molto simile al Decamerone di Boccaccio ma differente nei contenuti. Inoltre, nonostante il Basile intitolasse la raccolta destinandola ai piccoli, le fiabe erano rivolte ad un pubblico rigorosamente adulto per le tematiche trattate.

Il vero nome di Cenerentola, nell’originaria fiaba napoletana, era Zezolla ma fu soprannominata dalla matrigna e dalle sei ( e non tre ) sorellastre Gatta Cenerentola. La trama è molto simile alla storia che conosciamo, con qualche elemento e dettaglio in più nell’originale. Ricordiamo che è proprio in questa fiaba che Basile, descrivendo una tavola imbandita, parla del casatiello e della pastiera. La Gatta Cenerentola ci ha consentito di scoprire quindi che già quattrocentro anni fa i napoletani erano soliti deliziarsi con questi prodotti pasquali.

Se l’origine napoletana di Cenerentola è certa, il manga di Lady Oscar, nato dalla penna di Riyoko Ikeda potrebbe essersi ispirato ad una donna di Pozzuoli, Maria, che nel ‘300, era uno dei comandanti dell’esercito di Roberto D’Angiò. Abbandonate le sue vesti eleganti e vaporose, Maria, detta poi Maria la Puteolana, preferì rinchiudere il suo corpo in un’armatura, in una corazza a difesa del re e dell’amor patrio. Di poche parole e di poco appetito, introversa e cupa, Maria fu un esempio di femminilità quale coraggio e forza, grinta e potenza, tenacia e rinuncia, caratteristiche non solo virili ma presenti anche e soprattutto nelle migliori donne del passato e del presente. Come il manga di Ikeda, Maria la Puteolana dovette nascondere non solo il suo corpo ma anche l’amore che nutriva per Andrè Grandier, figlio della sua governante, un amore impossibile, ossimorico, tra lei comandante dell’esercito del re e lui rivoluzionario, lei nobile e lui plebeo, un contrasto netto tra i due che li vedrà combattere insieme per libertà.

Da un lato quindi Cenerentola-Gatta Cenerentola, donzella napoletana del ‘600 che riesce a sposare un principe, dopo i soprusi della sua famiglia acquisita, e dall’altro Lady Oscar-Maria la Puteolana, giovane donna comandante dell’esercito di Re Roberto D’Angiò che rinuncia per amor patrio al diventare sposa e madre sacrificando anche il suo vero unico amore della sua vita perché fuori dalla sua ragion di Stato. Ancora una volta due donne, ancora una volta due personaggi esistiti o di fantasia che incarnano la forza e l’indole magmatica e ribollente degli spiriti napoletani.

Un’occasione per unire il Sud

Un’occasione per unire il Sud

Le prossime regionali in Calabria, dopo la prematura dipartita della governatrice Jole Santelli, saranno l’ennesimo banco di prova per testare e consolidare, con una tappa in più, quella mai sopita idea di unione politica con testa, cuore e sede nella nostra amata...

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

Una norma italiana del 2002 consentì il rientro degli eredi della sanguinosa dinastia. Un rientro in Patria per i discendenti che si rivelò un vero e proprio boomerang per il Governo italiano al quale i Savoia, non paghi di questa benevolenza concessa per volere...

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Se ci sono davvero volontà e giuste motivazioni si può. È questo il messaggio che arriva dopo aver intitolato, meritatamente, al nostro compianto Diego Armando Maradona, con una semplice delibera del Consiglio comunale di Napoli, lo stadio...

L’8 dicembre: più di una festa

L’8 dicembre: più di una festa

In questa data si celebra l’Immacolata Concezione, patrona del Regno delle due Sicilie ma anche altro L’otto dicembre, una data che un tempo non rappresentava soltanto un’importante ricorrenza religiosa per il popolo del Regno delle due Sicilie profondamente devoto...

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

La morte del campione argentino, che si sentiva napoletano, vista attraverso il calcio come fattore identitario Sappiamo tutti che il Napoli Calcio non è solamente la squadra di calcio della città di Napoli nonché la più blasonata dell’Italia meridionale. Ed è anche...

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

“Compra Sud” (locuzione che racchiude oramai diverse associazioni, movimenti e politiche di acquisto)  nasce, esclusivamente, dall’amore per la nostra Terra, il Sud Italia vittima passiva di reiterate spoliazioni. Si sente il bisogno, in tempi di crisi globali, di...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella, la maschera partenopea più irriverente della Commedia dell’Arte affonda le sue origini nelle antiche rappresentazioni teatrali romane, le Atellanae. Qualcuno infatti lo associa a Maccus, personaggio ghiottone delle Atellanae, altri a Kikirrus per la sua...

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Il futuro deciso dai potenti riuniti al Lingotto Ancora una volta gli uomini del Sud anticipano tutti e profetizzano il ruolo del Bilderberg. Come accade da ben 64 anni, da quando per la prima volta si tenne, almeno ufficialmente, la prima conferenza presso l’hotel De...

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno. Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te