Presidente, gli Incurabili ti aspettano

da | Mag 3, 2019 | Cronaca

Un monumento unico al mondo come il Complesso degli Incurabili di Napoli con l’annessa Farmacia, che è un gioiello barocco di inestimabile valore, sta crollando a poco a poco. Ma al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella sembra non interessare. Piuttosto è preoccupato per le sorti della cattedrale parigina di Notre Dame, parzialmente bruciata da un rogo due settimane fa. Ieri il presidente era in visita ufficiale a Parigi. E qui, di prima mattina, accompagnato da sua figlia Laura e dal ministro della Cultura, Alberto Bonisoli, si è subito recato in visita alla cattedrale di Notre Dame. Un gesto ancor più carico di valenza simbolica, se si considera che Mattarella è stato il primo Capo dello Stato a recarsi sul luogo dopo il drammatico evento che ha colpito la capitale francese. Giunto sul posto, il presidente ha espresso pubblicamente il suo ringraziamento ai vigili del fuoco francesi che “meritano la riconoscenza di tutta l’Europa” e che hanno salvato “un vero archivio di memoria, nel quale si specchia tanta parte della storia dell’Europa”. Così Mattarella ha definito la cattedrale parigina semidistrutta dall’incendio dello scorso 15 aprile. “In Italia – ha aggiunto ieri Mattarella – le ore dell’incendio sono state seguite con angoscia e con affetto, perché tra l’altro, Francia e Italia condividono una grande sensibilità per il patrimonio culturale”.

E gli Incurabili? Non sono patrimonio culturale? Passi l’ipocrisia degli italiani, che pure avevamo evidenziato con la prima pagina del nostro giornale dello scorso 18 aprile, ma quella del Capo dello Stato no! Messaggi di solidarietà, collette e pagine a lutto sui social network all’indomani dell’incendio a Notre Dame: non un post di solidarietà, né di conforto dal mondo italico e ovviamente nemmeno un euro racimolato per gli Incurabili. E anche il presidente Mattarella non ha pronunciato una parola, né tantomeno fatto un sopralluogo veloce nel Complesso monumentale degli Incurabili di Napoli, dichiarato “patrimonio dell’umanità” dall’Unesco che a fine marzo ha visto crollare il pavimento di uno dei suoi edifici, la Chiesa di Santa Maria del Popolo. Basta cercare su Google le parole chiave “Mattarella” e “Incurabili” insieme per notare che il Capo dello Stato italiano non ha mai rilasciato nemmeno un commento per il crollo nel complesso monumentale situato nel Centro storico partenopeo. I risultati della ricerca mostrano solo commenti riferiti all’ambito sanitario, ovvero a quando il presidente italiano si è interessato a qualche evento riferito alle malattie incurabili. Eppure Mattarella a Napoli c’è stato, e il crollo agli Incurabili si era già verificato. Risale infatti allo scorso 13 aprile l’ultima visita a sorpresa del Capo dello Stato in terra partenopea, ad appena una settimana dal secondo cedimento nel complesso, quello del 6 aprile, che ha portato alla chiusura del nosocomio, al trasferimento di 23 pazienti in altre strutture ospedaliere e allo sfollamento di 21 famiglie costrette a lasciare le loro abitazioni, in seguito allo sgombero deciso a causa dei diversi cedimenti. Una situazione drammatica dal punto di vista architettonico ma anche sociale (a differenza di quella che riguarda Notre Dame) per le conseguenze che ha prodotto, ma non degna a quanto pare, fino ad ora nemmeno di una parola del presidente Mattarella. Al quale vorremmo dire che anche qui i pompieri hanno fatto un grande lavoro e che gli Incurabili non sono da meno come “archivio di memoria”, anzi lo sono anche di più della cattedrale francese, avendo all’interno opere ben più antiche. Il Complesso degli Incurabili rappresenta un patrimonio mondiale storico, artistico e culturale da preservare intatto alle generazioni future. Lo dice l’Unesco, non noi. E allora il Capo dello Stato dovrebbe almeno visitare quel luogo, rendersi conto di cosa è accaduto e di cosa si può fare per salvarlo prima che vada perso per sempre.

Va bene la visita a Parigi, va bene augurarsi che Notre Dame sia ricostruita. Ce lo auguriamo tutti. Ma prima c’è Napoli. Prima c’è l’immenso patrimonio di questa città che non ha eguali nel mondo, nemmeno a Parigi. Venga, presidente. Gli Incurabili l’aspettano. Venga e ci faccia sentire “fratelli d’Italia”, come ci è stato imposto da 151 anni. Oppure Napoli non fa parte dell’Italia? Forse Parigi è più importante? Fu proprio una stirpe di origine francese, i Savoia, a rubarci tutto: adesso dobbiamo pensare che i francesi ci rubano anche l’attenzione del presidente della Repubblica?

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te