Gli operai dimenticati di Pietrarsa

da | Apr 30, 2019 | Cronaca

C’è un primo maggio dal sapore tutto napoletano, che in pochi ricordano e che anche quest’anno, come ogni anno, rivivrà nella memoria delle associazioni meridionaliste. L’appuntamento per la consueta commemorazione e deposizione di una corona di fiori è per le 10.30 del primo maggio davanti ai cancelli del museo di Pietrarsa. Che oggi è solo un museo ma che un tempo era l’officina creata da Ferdinando II di Borbone, in cui si costruivano i pezzi per i treni con il materiale che era lavorato a Mongiana, in provincia di Catanzaro, altra “stella” delle industrie borboniche. Poi arrivarono i piemontesi e cominciarono a smantellare quelle fiorenti aziende.

E proprio a Pietrarsa, il 6 agosto 1863, si verificò la prima strage di lavoratori dell’Italia unita, con i bersaglieri piemontesi che ammazzarono 4 operai, Luigi Fabbricini, Aniello Marino, Domenico Del Grosso, Aniello Olivieri, e ne ferirono gravemente altri 20. Stavano manifestando per la riduzione dell’orario di lavoro e perché non ricevevano ormai da mesi lo stipendio. Come mai? L’Italia appena unita, sotto il Governo Rattazzi, nel 1860 si era trovata a dover decidere quale dei due stabilimenti dovesse diventare di Stato tra quello della Ansaldo di Genova e quello di Pietrarsa di San Giorgio a Cremano. Nominando un ingegnere di Nizza molto vicino ai Savoia, la scelta cadde sulla Ansaldo, che era al Nord e politicamente legata proprio ai Savoia. Tuttavia l’ingegnere francese dovette ammettere che anche lo stabilimento di Pietrarsa aveva la stessa forza e la stessa capacità produttiva di quello genovese. Ma ormai il dado era tratto. E così l’impianto napoletano, non essendo stato proclamato “di Stato”, divenne troppo costoso per le casse piemontesi e fu venduto all’imprenditore Jacobo Bozza. Costui, nel giro di pochi anni, dimezzò gli stipendi e tagliò progressivamente il personale, riducendo la produzione e chiudendo la Scuola d’Arte annessa alla fabbrica di Pietrarsa. Tutte cose che non accadevano sotto i Borbone, quando Ferdinando II pagava bene e con precisione. In un primo momento, lo scopo dell’impianto era quello di produrre materiale civile e bellico, ma successivamente il Re volle che il materiale prodotto in questa struttura fosse destinato alla costruzione e alla riparazione di locomotive, in modo che per la realizzazione dei suoi mezzi di trasporto su terra, la Nazione dovesse dipendere da nessuna potenza europea. Con la promessa di reintegrare tutti gli operai licenziati, Bozza mise fine alle proteste del personale. In realtà le sue intenzioni erano tutt’altro che positive: l’idea era quella di elargire soltanto metà dello stipendio con il solo fine di attenuare l’ira degli operai. Una specie di cassa integrazione dell’epoca. La tensione si fece sempre più alta: i 458 operai rimasti in servizio (prima dell’unità d’Italia erano 1.050) erano minacciati dal licenziamento e pagati con ritardo. Sui muri di Pietrarsa, comparvero i primi manifesti di protesta: “Muovetevi, artefici, che questa società di ingannatori e di ladri con la sua astuzia vi porterà alla miseria”. Il 6 agosto 1863 la situazione precipitò: alle due del pomeriggio, il capo contabile dell’azienda, tale Zimmermann, chiese al delegato di polizia di Portici l’invio di almeno sei agenti, per controllare gli operai in sciopero per ottenere lo stipendio. Al primo allarme, ne seguì un secondo, più drammatico: “Non bastano sei uomini, occorre un battaglione di truppa regolare”. Sul posto arrivarono i bersaglieri e i carabinieri ma intanto, al suono convenuto di una campana, tutti gli operai di ogni officina dello stabilimento, si riunirono nel gran piazzale dell’opificio. I soldati iniziarono ad aprire il fuoco senza preavviso e le fucilate misero in fuga gli operai. Quattro morti e venti feriti. Una storia che oggi è riportata fedelmente nell’Archivio di Stato di Napoli ma che, all’epoca dei fatti, fu nascosta perché grande era la vergogna per l’accaduto e così la vicenda fu “ridimensionata” dagli uomini di Stato e dai giornali. Si parlò di “fatali e irresistibili circostanze” avvenute per mano di “provocatori” e “mestatori borbonici”. Nel 1875, gli operai di Pietrarsa furono ridotti a 100, due anni dopo lo stabilimento fu affidato in fitto per 20 anni alla Società nazionale per le industrie meccaniche. Fino al 1885, vennero realizzate 110 locomotive, 845 carri, 280 vetture ferroviarie, caldaie e vapore e altro materiale ed eseguite 77 riparazioni. Nel 1905 lo Stato si riprese la gestione diretta di Pietrarsa. Per assenza di investimenti e abbandono, 70 anni dopo è stata decisa la sua chiusura definitiva.

Ancora oggi, a oltre 150 anni di distanza dall’eccidio di Pietrarsa, il sangue versato è ricordato da pochi. Quella decisione presa nel 1860 dall’Italia appena unita ha indirizzato irrimediabilmente le sorti di due aziende e dei relativi lavoratori: la Ansaldo di Genova e la napoletana Pietrarsa. La prima, ancora oggi, ha appalti in tutto il Paese e anche all’estero. La seconda è un museo delle Ferrovie dello Stato.

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te