Stop ai luoghi della vergogna razzista

da | Apr 26, 2019 | Cronaca

Chiudiamo il Museo Lombroso di Torino e tutti i luoghi che inneggiano all’antropologo veronese che sosteneva l’inferiorità delle popolazioni del Meridione studiando i teschi dei briganti uccisi e portati in Piemonte. In Italia gli studi tra la razza e le relazioni con il crimine sono stati portati avanti da Cesare Lombroso e dai suoi colleghi della società italiana di criminologia durante il XIX secolo. Lombroso credeva che esistessero due tipi di italiani: i settentrionali di origini ariano-nordiche e i meridionali di stirpe negra e africana. Partendo proprio da questo presupposto e dai pregiudizi riservati verso i nativi del Mezzogiorno, Lombroso sosteneva che i meridionali fossero più inclini alla criminalità, al vagabondaggio e alla pigrizia rispetto a quelli del settentrione propensi ad una vita stabile. Osservando il teschio del brigante Giuseppe Villella da Motta Santa Lucia, in Calabria, Lombroso fece la sua “geniale” scoperta: l’autopsia sul suo cranio lo portò a concludere che delinquenti si nasce. E questo perché Vilella aveva una “fossetta occipitale mediana”: un’anomalia descritta da Lombroso in un saggio del 1876. Inoltre, l’allievo di Lombroso, Enrico Ferri, proseguendo sulle sue teorie, formulò teorie razziali sull’inferiorità delle persone di colore e degli italiani del Sud, considerandole razze inclini alla violenza.
E ancora oggi si celebrano figure come quella controversa di Lombroso con il Museo dedicato a lui e alle sue teorie.
Di qui la petizione lanciata dal “Quotidiano Napoli” contro il Museo Lombroso. Una raccolta di firme che arriva all’indomani dell’ennesimo episodio di offesa e razzismo ai danni dei meridionali. Lunedì scorso, infatti, allo stadio San Paolo, i tifosi dell’Atalanta hanno esposto delle sciarpe che inneggiavano al carcere-lager di Fenestrelle e mostravano il volto di Lombroso. Ieri abbiamo dedicato l’apertura del giornale a questo clamoroso autogol dei bergamaschi che, di fatto, esponendo delle sciarpe che rimandavano al luogo in cui vennero deportati i soldati napoletani, ne hanno ricordato l’atto eroico e la lealtà nei confronti del re Francesco II, a cui avevano giurato fedeltà. Ai soldati meridionali, infatti, fu proposto di avere la libertà passando tra le fila dell’esercito piemontese ma molti di loro scelsero di non tradire il re e pagarono con la prigionia ed una morte di stenti (se non altro) il loro atto di coraggio. Appare chiaro a tutti, tranne agli ignoranti atalantini autori della provocazione di lunedì scorso, che inneggiare al lager di Fenestrelle significa farsi un autogol.Ed il primo a sposare la linea del nostro giornale è il sindaco Luigi de Magistris, che ieri ha letto e commentato con noi la nostra prima pagina in cui denunciavamo l’episodio che ha visto protagonisti i tifosi bergamaschi. “Quest’immagine dei sostenitori dell’Atalanta è vergognosa ed è l’occasione per chiedere la chiusura del Museo e dei luoghi in cui si inneggia a Lombroso. Questo episodio va denunciato con forza anche perché siamo tutti antropolgicamente diversi nel mondo e siamo tutti antropologicamente uguali nei diritti e quindi rispediamo al mittente quest’immagine”. In merito poi all’accento posto dal nostro giornale sul clamoroso autogol dei tifosi bergamaschi, il sindaco si è detto pienamente d’accordo ed ha sintetizzato il suo pensiero sostenendo che “chi attacca Napoli ha già perso”.
Ora, però, secondo noi è arrivato anche il momento di agire, di fare qualcosa di concreto affinché queste discriminazioni e questi episodi di razzismo e di inciviltà ai danni dei meridionali vengano puniti a dovere. Si potrebbe ipotizzare, per esempio, l’applicazione di una sanzione pesante nei confronti di chi offende i meridionali chiamandoli “terroni” oppure, appunto, inneggiando a Fenestrelle. Oppure ancora, la chiusura di un luogo in cui si diffonde il verbo di un criminologo le cui teorie sono pesantemente discriminatorie ed in cui sono conservati i teschi che dovrebbero essere restituiti ai Comuni di appartenenza e avere finalmente una degna sepoltura. Tra questi i crani dei meridionali trafugati come quello del brigante Giuseppe Vilella. Ecco, appunto, iniziamo col chiedere la chiusura di questo luogo. Se siete d’accordo, potete andare sulla pagina internet http://chng.it/bmTZNjqCvv e firmare la petizione lanciata dal nostro giornale. E questo è solo il primo passo, perché questo giornale è nato anche per avere un’azione civica e concreta a difesa del popolo del Meridione. Quello di oggi, ma anche di quello di ieri che già non ha ricevuto la giusta considerazione e giustizia nei libri di Storia che circolano nelle scuole italiane.

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te