Stop ai luoghi della vergogna razzista

da | Apr 26, 2019 | Cronaca

Chiudiamo il Museo Lombroso di Torino e tutti i luoghi che inneggiano all’antropologo veronese che sosteneva l’inferiorità delle popolazioni del Meridione studiando i teschi dei briganti uccisi e portati in Piemonte. In Italia gli studi tra la razza e le relazioni con il crimine sono stati portati avanti da Cesare Lombroso e dai suoi colleghi della società italiana di criminologia durante il XIX secolo. Lombroso credeva che esistessero due tipi di italiani: i settentrionali di origini ariano-nordiche e i meridionali di stirpe negra e africana. Partendo proprio da questo presupposto e dai pregiudizi riservati verso i nativi del Mezzogiorno, Lombroso sosteneva che i meridionali fossero più inclini alla criminalità, al vagabondaggio e alla pigrizia rispetto a quelli del settentrione propensi ad una vita stabile. Osservando il teschio del brigante Giuseppe Villella da Motta Santa Lucia, in Calabria, Lombroso fece la sua “geniale” scoperta: l’autopsia sul suo cranio lo portò a concludere che delinquenti si nasce. E questo perché Vilella aveva una “fossetta occipitale mediana”: un’anomalia descritta da Lombroso in un saggio del 1876. Inoltre, l’allievo di Lombroso, Enrico Ferri, proseguendo sulle sue teorie, formulò teorie razziali sull’inferiorità delle persone di colore e degli italiani del Sud, considerandole razze inclini alla violenza.
E ancora oggi si celebrano figure come quella controversa di Lombroso con il Museo dedicato a lui e alle sue teorie.
Di qui la petizione lanciata dal “Quotidiano Napoli” contro il Museo Lombroso. Una raccolta di firme che arriva all’indomani dell’ennesimo episodio di offesa e razzismo ai danni dei meridionali. Lunedì scorso, infatti, allo stadio San Paolo, i tifosi dell’Atalanta hanno esposto delle sciarpe che inneggiavano al carcere-lager di Fenestrelle e mostravano il volto di Lombroso. Ieri abbiamo dedicato l’apertura del giornale a questo clamoroso autogol dei bergamaschi che, di fatto, esponendo delle sciarpe che rimandavano al luogo in cui vennero deportati i soldati napoletani, ne hanno ricordato l’atto eroico e la lealtà nei confronti del re Francesco II, a cui avevano giurato fedeltà. Ai soldati meridionali, infatti, fu proposto di avere la libertà passando tra le fila dell’esercito piemontese ma molti di loro scelsero di non tradire il re e pagarono con la prigionia ed una morte di stenti (se non altro) il loro atto di coraggio. Appare chiaro a tutti, tranne agli ignoranti atalantini autori della provocazione di lunedì scorso, che inneggiare al lager di Fenestrelle significa farsi un autogol.Ed il primo a sposare la linea del nostro giornale è il sindaco Luigi de Magistris, che ieri ha letto e commentato con noi la nostra prima pagina in cui denunciavamo l’episodio che ha visto protagonisti i tifosi bergamaschi. “Quest’immagine dei sostenitori dell’Atalanta è vergognosa ed è l’occasione per chiedere la chiusura del Museo e dei luoghi in cui si inneggia a Lombroso. Questo episodio va denunciato con forza anche perché siamo tutti antropolgicamente diversi nel mondo e siamo tutti antropologicamente uguali nei diritti e quindi rispediamo al mittente quest’immagine”. In merito poi all’accento posto dal nostro giornale sul clamoroso autogol dei tifosi bergamaschi, il sindaco si è detto pienamente d’accordo ed ha sintetizzato il suo pensiero sostenendo che “chi attacca Napoli ha già perso”.
Ora, però, secondo noi è arrivato anche il momento di agire, di fare qualcosa di concreto affinché queste discriminazioni e questi episodi di razzismo e di inciviltà ai danni dei meridionali vengano puniti a dovere. Si potrebbe ipotizzare, per esempio, l’applicazione di una sanzione pesante nei confronti di chi offende i meridionali chiamandoli “terroni” oppure, appunto, inneggiando a Fenestrelle. Oppure ancora, la chiusura di un luogo in cui si diffonde il verbo di un criminologo le cui teorie sono pesantemente discriminatorie ed in cui sono conservati i teschi che dovrebbero essere restituiti ai Comuni di appartenenza e avere finalmente una degna sepoltura. Tra questi i crani dei meridionali trafugati come quello del brigante Giuseppe Vilella. Ecco, appunto, iniziamo col chiedere la chiusura di questo luogo. Se siete d’accordo, potete andare sulla pagina internet http://chng.it/bmTZNjqCvv e firmare la petizione lanciata dal nostro giornale. E questo è solo il primo passo, perché questo giornale è nato anche per avere un’azione civica e concreta a difesa del popolo del Meridione. Quello di oggi, ma anche di quello di ieri che già non ha ricevuto la giusta considerazione e giustizia nei libri di Storia che circolano nelle scuole italiane.

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Martedì scorso gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti all’interno della stazione metropolitana di piazza Amedeo per la segnalazione di una tentata rapina commessa da un uomo armato di un coccio di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te