La Pasqua contemporanea di Mario Di Costanzo: cioccolateria artistica e casatiello dolce

da | Apr 18, 2019 | Cucina

Creazioni artistiche di cioccolato e la riscoperta del casatiello dolce: la pasticceria pasquale di Mario Di Costanzo rilegge in chiave contemporanea la tradizione. Fedele al suo stile, il pastry chef napoletano ha innovato forme e ricette di dolci che da sempre accompagnano la Pasqua dei napoletani. Stesso approccio anche per le preparazioni più classiche come la pastiera, modernizzata aggiungendo ricotta di pecora alla tipica crema di ricotta vaccina, latte, uova e grano, o come la colomba, proposte in cinque varianti ma sempre con lievitazione di 30 ore. L’intera linea di prodotti pasquali firmata da Mario Di Costanzo è in vendita presso lo storico negozio di famiglia sito in piazza Cavour,133.

GLOB E BANY, I PUPAZZI DA MANGIARE

Novità assoluta di quest’anno sono il clown Glob e la scimmietta Bany, due coloratissime sculture di cioccolata pensate per gli occhi e il palato dei più piccoli. “Ho creato questi personaggi sovrapponendo sfere di misure differenti realizzate con cioccolato Icam bianco, fondente e al latte.” ha dichiarato Mario Di Costanzo “La particolarità è stata l’uso del cosiddetto cioccolato plastico, un tipo di cioccolato con aggiunta di sciroppo di glucosio. Questa soluzione ha garantito elasticità nella modellazione e ha conferito un gusto aromatico gradevole ma leggero”.

Glob e Bani - creazioni di cioccolato di Mario Di Costanzo

Glob e Bany – creazioni di cioccolato di Mario Di Costanzo

LE UOVA PASQUALI DI DESIGN

Sull’onda del successo dello scorso anno, Mario Di Costanzo ha deciso di riproporre le uova di design che richiamano Jackson Pollock. L’elemento innovativo sta nella scelta di colori più scuri che meglio esaltano il contrasto con le decorazioni bianche ispirate, appunto, al pittore statunitense. “Ogni uovo è rigorosamente realizzato a mano: sono pezzi unici, come solo una produzione artigianale può garantire” sottolinea il talentuoso maestro cioccolatiere. Le uova sono preparate con cioccolato dominicano bianco, a basso contenuto di zuccheri; fondente peruviano al 70% e cioccolato al latte. Dal canto suo, un packaging trasparente valorizza le forme particolati di ogni uovo, lasciando al cliente la possibilità di scegliere quello che più gli piace. Proprio come capita con un oggetto di design.

Creazioni di cioccolato di Mario Di Costanzo

Creazioni di cioccolato di Mario Di Costanzo

LE COLOMBE A LUNGA LIEVITAZIONE

Sono cinque le varietà di colombe proposte, a partire da quella classica per arrivare alla new entry con farcitura al cioccolato bianco e caffè. Come negli anni scorsi, poi, ci sono quella al pistacchio e albicocca del Vesuvio, quella ai frutti di bosco e quella farcita solo con cioccolato. Comune denominatore di tutte le colombe è il lungo periodo di lievitazione naturale: un doppio impasto di circa 30 ore favorisce la preventiva scomposizione degli zuccheri complessi e, quindi, garantisce una maggiore digeribilità.

Il team Mario Di Costanzo all'opera

Il team Mario Di Costanzo all’opera

LA RISCOPERTA DEL CASATIELLO DOLCE E LA PASTIERA CON TRE RICOTTE

Il legame con la tradizione è particolarmente evidente nella riproposizione della pastiera napoletana e del poco noto casatiello dolce. Anche in questo caso, comunque, Mario Di Costanzo introduce degli elementi di novità. Per quel che riguarda la pastiera, ad esempio, la particolarità è l’uso di ricotta di pecora sarda miscelata a due tipi di ricotte di vacca, una campana e l’altra romana. L’utilizzo della ricotta di pecora fa la differenza conferendo alla pastiera un gusto più rotondo, dovuto al maggiore apporto di grassi. L’idea di riscoprire il casatiello dolce, invece, nasce dalla volontà di valorizzare un dolce povero di antica memoria. Ecco quindi un soffice tortano dolce preparato con strutto, uova, farina e zucchero e poi guarnito con una meringa italiana successivamente flambata.

Insomma, la pasticceria pasquale di Mario Di Costanzo offre una grande possibilità di scelta, sempre nel segno di un gusto contemporaneo. Provare per credere!

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

Nuovo mini ciclo di degustazioni all'Osteria Partenope al Vomero, in via Cimarosa. Mercoledì 14 ottobre sarà la volta di BBIV! Degustazione delle etichette dell’azienda Mustilli, tra cui il novello vincitore dei 3 bicchieri del Gambero Rosso: Vigna Segreta! Vi...

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

In via Cimarosa la migliore cucina mediterranea della tradizione si fonde con l’innovazione All’Osteria Partenope, al civico 56 bis di via Cimarosa, nel cuore del Vomero, la città finisce e lascia spazio al mare: si entra così in un pittoresco vialetto con i tavolini...

Da Vittorio? Presto e bene!

Da Vittorio? Presto e bene!

“Salvatò dovete aggiungere ‘presto e bene’ all’insegna qua fuori, perché da voi si mangia veramente così e tutti lo devono sapere”. A suggerire il nome odierno della nota trattoria “Da Vittorio presto e bene”, al civico 23 di via Niutta all’Arenella, fu un’affezionata...

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO Annullato il quarto appuntamento di Chef in Pizzeria che il prossimo 27 Febbraio avrebbe dovuto ospitare il Maestro Ernst Knam: a seguito delle disposizioni in materia sanitaria e in via prudenziale, oltre che in virtù...

Ecco il vino per il panino

Ecco il vino per il panino

“Felicità è un bicchiere di vino con un panino” cantavano Albano e Romina nel ’82, in una delle canzoni più celebri del duo, esaltando la sensazione di benessere sprigionata dal connubio tra i due elementi. E non è certamente un caso se la speciale commistione di...

“Evoluzione 2020”

“Evoluzione 2020”

Eccezionale impegno nella valorizzazione e promozione dell’olio extravergine di oliva di qualità”: è con questa motivazione che la pizzeria dei Fr.lli Francesco&Salvatore Salvo ha ricevuto un premio nell’ambito della kermesse “Evoluzione 2020”, organizzata da...

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta arrivò in Italia nell’anno 1000 introdotta dalla principessa bizantina Maria Argyropoulaina che sposò Giovanni Orseolo, figlio del doge di Venezia. Si trattava di forchettoni d’oro molto appuntiti a 2 o 3 rebbi, nate fondamentalmente per infilzare i...

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Dall’incontro di due eccellenze del made in Italy nasce Wine for pizza, il vino perfetto da degustare insieme alla pizza. La scelta che farà sicuramente felice gli enoappassionati stanchi del classico abbinamento delle pizze con le birre, è frutto dell’ingegno degli...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te