Colletta per Parigi. E gli Incurabili?

da | Apr 18, 2019 | Cronaca

I veri incurabili sono gli italiani. Ipocriti fino al midollo. Tanto da rattristarsi per l’incendio della cattedrale di Notre Dame di Parigi quasi come se avessero perduto una persona cara e allo stesso tempo capaci di essere totalmente indifferenti rispetto al crollo avvenuto nel Complesso degli Incurabili di Napoli. Gucci, Bottega Veneta, Fendi: c’è tanta Italia nelle importanti donazioni messe sul tavolo per ricostruire la cattedrale di Notre Dame di Parigi. E oltre ai grandi nomi, ci sono tante altre realtà del Belpaese che hanno aderito subito alla colletta internazionale annunciata dal presidente francese Emmanuel Macron. Per il crollo degli Incurabili, invece, che vede a rischio uno dei complessi architettonici più belli del mondo, nonché di grandissimo valore artistico e culturale, nemmeno un euro. Nessuna iniziativa. Nessun appello e nessuna colletta. Ora non si tratta di paragonare le due tragedie e misurare quale meriti più attenzione bensì di comprendere che sono ugualmente meritevoli dell’interesse collettivo. Se da un lato, infatti, è vero che la cattedrale di Notre Dame è un gioiello architettonico del 1344 che ha subito devastazioni e ricostruzioni nel corso dei secoli ed è conosciuta in tutto il mondo e rievoca la storia del Gobbo-Quasimodo e della bella Esmeralda narrata dal romanzo di Victor Hugo, dall’altro lato quando si parla del Complesso degli Incurabili ci si riferisce ad un tesoro del barocco unico al mondo, un monumento dichiarato “patrimonio dell’umanità” dall’Unesco (così come Notre Dame) e di rara bellezza che è stato tramandato quasi intatto fino ai nostri giorni. Il Complesso degli Incurabili, oltre all’Ospedale, a tre edifici religiosi antichi e alla Chiesa di Santa Maria del Popolo (dove si è verificato il cedimento del pavimento) contiene al suo interno un tesoro ammirato ogni anni da decine di migliaia di turisti: la Farmacia. Realizzata da Bartolomeo Vecchione durante la ristrutturazione dell’antica spezieria del Cinquecento, la farmacia è composta da due ambienti: un grande salone ed un’antisala. Il piccolo vano, che fungeva da laboratorio, è rivestito da scaffalature in noce intagliato e decorato, opera, come il tavolo centrale, del grande ebanista Agostino Fucito. Sulle pareti si può ammirare una vasta raccolta di albarelli e idrie, i tipici contenitori da farmacia, decorati a chiaroscuro turchino. Nel salone ci sono 400 vasi maiolicati realizzati da Lorenzo Salandra e Donato Massa nel XVIII secolo, con scene bibliche e allegorie degne della Divina Commedia. Il pavimento è in cotto maiolicato e sul soffitto del salone di rappresentanza, infine, vi è una bellissima tela di Pietro Bardellino del 1750. Ora, perché gli italiani si muovono per ricostruire la cattedrale di Notre Dame e non si preoccupano di salvare questo tesoro che è presente nel loro Paese? Eppure, subito dopo giovedì 18 aprile 2019 cronaca 3 tragedia dell’incendio della cattedrale di Parigi, i due miliardari François-Henri Pinault e Bernard Arnault hanno annunciato di voler stanziare rispettivamente 200 milioni e 100 milioni di euro per il restauro di Notre Dame. La famiglia Pinault, al vertice di Kering, gruppo che ha in portafoglio marchi come gli italiani Fendi, Gucci e Bottega Veneta, oltre a Yves Saint Laurent, Balenciaga e Puma. In poche ore, da tutto il mondo, sono stati raccolti 800 milioni di euro per ricostruire la cattedrale. Il tutto mentre sui social network migliaia di italiani hanno invaso le loro pagine di foto e post di solidarietà per i francesi con la scritta “Salviamo Notre Dame”. Così come il mondo politico italiano ha dedicato fiumi di parole al dramma parigino. Per la tragedia di Napoli niente di tutto questo. Gli unici a gridare “Salviamo gli Incurabili” sono stati due napoletani che hanno a cuore le sorti della città: Lucilla Parlato, direttrice di Identità Insorgenti e Antonio Pariante, presidente del Comitato di Santa Maria di Portosalvo. Parentesi doverosa: certo, è un mondo strano quello che in un giorno raccoglie così tanti soldi per rifare un monumento mentre centinaia di bambini continuano a morire di fame e per l’assenza di medicine in Africa. Ma, tornando sul parallelo Napoli-Parigi, proprio il presidente francese Macron, di recente, nel corso di un’intervista rilasciata a Fabio Fazio sulla tv pubblica “mamma Rai” (mamma solo per alcuni) ha dichiarato che l’Europa ha avuto solo due grandi capitali: “Una è Parigi e l’altra è Napoli”. Città che Macron ha ammesso di amare in maniera appassionata e sincera. Città che potrebbe essere curata dai suoi mali se solo attorno ad essa, dai popoli vicini fino a chi governa il Paese, non vi fossero atti denigratori e indifferenza. I veri incurabili sono gli italiani.

I documenti della città dal 1387 saranno disponibili negli archivi

I documenti della città dal 1387 saranno disponibili negli archivi

I documenti della città di Napoli dal 1387 al 1990 sono in formato digitale. Sarà a breve disponibile on line l’archivio dei documenti della città di Napoli prodotti dal 1387 al 1990: un patrimonio di straordinario valore storico e culturale, custodito nell’Archivio...

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

Il presidente del sindacato Nursing up, Antonio De Palma: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui. E vanno garantiti subito uno stipendio degno e l’indennità di specificità infermieristica” “Perché la nostra...

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te