Il Napoli cala il tris a Verona e condanna il Chievo alla serie b

da | Apr 15, 2019 | Calcio Napoli

Scuotersi in fretta e riprendere a vincere per preparare al meglio la sfida di giovedì.

Questo è quello che gli azzurri si impongono a Verona, prima del fischio d’inizio, quando si radunano in cerchio per caricarsi, prova anche del patto tra compagni di squadra stretto in settimana.

Iniza la partita con una novitĂ  nel modulo del Napoli, Ancelotti schiera dal primo minuto Milik, Insigne, Mertens e Callejon con una formazione che prende le sembianze del 3-4-2-1, infatti per tutta la partita Ghoulam gioca sulla linea dei centrocampisti con Fabian Ruiz, Zielinski e Callejon, lasciando la difesa il piĂą delle volte con Koilibaly, Chiriches e Hysaj che spinge poco rispetto alle sue solite prestazioni. In attacco Insigne e Mertens ad inventare per la prima punta Milik.Gli uomoni di Ancelotti controllano la partita dal primo minuto, il Chievo non riesce mai ad impensierire il rientrante Ospina alla sua 22esima presenza (ricordiamo che a quota 25 presenze scatta l’obbligo di riscatto). La partita si sblocca sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Mertens crossa alla perfezione sul primo palo dove Koulibaly anticipa tutti segnando nuovamente, dopo il famoso gol contro la Juventus lo scorso anno. Nel primo tempo oltre al possesso palla degli azzurri, non ci sono altre grandi emozioni e si chiude sul risultato di 1 a 0.

Nella ripresa la musica non cambia, completo controllo del Napoli che trova un bel gol di Milik al minuto 64 quando il polacco, a 4 metri dall’ingresso in area, fa esplodere un sinistro a giro che batte Sorrentino all’angolino basso. Dal 2 a 0 diventa quasi un allenamento, con il Chievo che ormai non crede piĂą nella possibilitĂ  di riacciuffare il risultato. Al minuto 81 arriva la prima doppietta in carriera di Koulibaly, nuovamente sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Younes (entroto da pochi minuti) spizza di testa verso la porta, Sorrentino smanaccia sui piedi di Koulibaly che con un forte sinistro firma la doppietta personale e chiude definitivamente la partita, autorizzando la squadra a pensare giĂ  alla sfida di giovedì con l’Arsenal. Proprio alla fine quando ormai tutti stanno pensando alla prossima sfida importantissima, il Chievo firma con Cesar il definitivo 1-3 che condanna matematicamente, la squadra di Campedelli alla serie B. Adesso testa all’Europa League, l’impresa è possibile, bisogna evitare ogni tipo di errore e puntare ad essere perfetti in ogni parte del campo, il San Paolo sarĂ  caldissimo e darĂ  il suo contributo, ma in campo serviranno 11 leoni.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te