Arsenal- Napoli: Meret salva gli azzurri dalla debaclè. Si accettano miracoli per la sfida al San Paolo

da | Apr 12, 2019 | Calcio Napoli

La sconfitta di ieri sera  per 2-0  contro l’Arsenal all’ Emirates Stadium catapulta le ultime speranze del Napoli di salvare una stagione  al momento deludente,  alla sfida di ritorno di questi quarti di Europa league al San Paolo giovedi 18 aprile.

Napoli irriconoscibile nella prima frazione di gioco

Alla vigilia di Arsenal-Napoli era difficile pensare ad un approccio da parte degli azzurri così scioccante. I limiti maggiori dell’undici di Ancelotti sono apparsi sia sul piano tattico sia su quello psicologico. Ruiz, Zielinski ed Allan offrono una fiera di errori in fase d’impostazione e interdizione da far rabbrividire nella prima frazione di gioco, regalando spesso contropiedi ficcanti e pericolosi agli uomini di Emery.  Non pervenuto Mertens e prova a dir poco sottotono dei terzini Hysaj e Mario Rui. Menzione speciale va al vero salvatore della patria il portierone Meret, che scongiura in almeno tre occasioni una debaclè totale.

Un secondo tempo alla riscossa

Nel secondo tempo la strigliata di Ancelotti sembra aver sortito almeno un effetto: quello di far scendere il Napoli finalmente in campo. Gli inglesi scoprono il fianco agli attacchi dei partenopei che sull’asse Insigne-Zielinski hanno l’occasione più ghiotta per segnar un gol che avrebbe donato maggiori speranze per la partita di ritorno.

Purtroppo Zielinski è protagonista di una delle sue peggiori prestazione con la maglia azzurra e spreca in malo modo un tap-in semplice sotto porta. La sfida ha palesato i limiti mentali e tecnici in certi momenti del Napoli, anche se atleticamente gli azzurri hanno dimostrato nel secondo tempo di avere maggior tenuta degli inglesi. La tenuta atletica e la difficoltà nel far risultato in trasferta dell’Arsenal, potrebbero essere le armi vincenti per ribaltare un risultato complicato, salvando una stagione  partita con i migliori vaticinii possibili, ma al momento compromessa.

Settimana di passione, in attesa di un miracolo

In questa settimana di “Passione”, il tocco e l’esperienza in campo internazionale di Ancelotti dovranno essere determinanti per risollevare le sorti di una sfida che può e deve cambaire il suo corso. Bisogna far giocare chi può esprimere il massimo in questo momento, quindi lasciar spazio in attacco a Milik dal primo minuto, giocatore più efficace  nel gioco aereo e maggiormente in forma in questo periodo. L’appuntamento per cambiare la storia è giovedi 18 aprile al San Paolo. Si accettano miracoli.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te