Napoli Genoa, è un match point per la capolista, qualora gli uomini di Ancelotti uscissero sconfitti dal San Paolo. Ma nei primi minuti della partita, gli azzurri sembrano determinati a far rimandare la festa per l’ottavo scudetto consecutivo della Juventus, determinazione che sbatte violentemente contro il pensiero della partita di giovedì contro l’Arsenal, infatti dopo i primi 5 minuti spumeggianti, il Napoli inizia a subire l’organizzazione del Genoa che più volte sfiora il vantaggio negato anche dalle ottime parate di Karnezis. Alla mezz’ora il Genoa rimane in 10 per il fallaccio di Sturaro su Allan, il direttore di gara Pasqua dopo aver estratto il giallo, viene richiamato dal Var e dopo aver rivisto il fallo, estrae il rosso diretto per il centrocampista del grifone. Da quel momento ci si aspetta un domino del Napoli e sembrerebbe così, ma dopo aver trovato il gol del vantaggio con Mertens, gli azzurri si espongono comunque a rischi nonostante l’uomo in più. A 2 minuti dalla fine del primo tempo, un bel movimento di Mertens manda fuori giri la difesa rossoblu e apre per la corrente Callejon che si presenta davanti a Radu, sembra fatta per il raddoppio ma il 7 azzurro si fa parare il debole diagonale, vanificando di fatto il meritato raddoppio che un minuto dopo sul capovolgimento di fronte diventa 1-1, su assist di Pandev è Lazović a trovare un diagonale potente a volo che batte Karnezis e manda le squadre a riposo sul pari. Nel secondo tempo ci si aspetta una forte reazione del Napoli che arriva in parte, infatti gli azzurri chiudono per 45 minuti il Genoa nella propria metà campo, non risparmiandosi però qualche pericolo di troppo quando il Genoa in ripartenza prova a beffare i padroni di casa. La partita volge pian piano alla fine, tra errori in attacco e poca cattiveria nel trovare il gol. Nemmeno gli innesti dalla panchina smuovono il risultato che non si schioda dall’1-1. Brutto pareggio per gli azzurri che tra 4 giorni affronteranno una delicatissima partita fondamentale per l’intera stagione, la vittoria era importante per dare morale alla squadra reduce dalla sconfitta di Empoli, ma purtroppo arriva ancora una prestazione opaca che lascia oltre all’amaro in bocca anche molte preoccupazioni per l’unico obiettivo di stagione rimasto. Nota positiva della serata, il ritorno in campo di capitan Insigne.