‘O tarallo
Mmiezo a gazzose, arance e llimune gialle,
atturcigliato chino ‘e ‘nzogna e ppepe
sponta frisco e zeppo ‘e mandorle ‘o tarallo.
S’alliscia ‘o baffo Vicienzo ‘o tarallaro:
rire e saluta, mentre figlieme adderete,
me tira ‘a vesta sbatte forte nterra ‘e piede
chiagne nsiste e nun me fa’ sta quieta!
Venne ricchine e bbracciale Vicenzino:
so’ fatte cu nzogna, pepe e mandurlate.
Tunnulille comme tanta cullane e anielle:
na squisitezza ca t’arrecrea ‘o palato.
( Giovanna Balsamo )

Nati come cibo salvavita nell’800 per sfamare i poveri abitanti del Ventre di Napoli, come raccontato dalla Serao nel suo romanzo omonimo, oggi è un must sgranocchiare taralli a Mergellina accompagnandoli con una fredda lattina di birra. Leggi qui la storia dei taralli ‘nzogna e pepe e la loro evoluzione nel tempo.

Ma se vogliamo preparare i taralli per offrirli ai nostri ospiti come aperitivo, scopriamo qui come fare.

INGREDIENTI:

500 gr di farina

150 gr di strutto

1 cubetto di lievito di birra

200 gr di mandorle

Pepe ( 2 cucchiaini )

Sale ( 2 cucchiaini )

PROCEDIMENTO

Versare la farina a fontana, aggiungere sale, pepe, strutto e lievito sciolto in acqua. Impastare e formare un panetto. Creare dal panetto tanti bastoncini da 15cm cadauno. Attorcigliarli a due a due e creare delle ciambelle. Aggiungervi le mandorle in superficie e lasciarli lievitare per almeno un’ora. Infornare a 180° per 30 minuti o fino a quando non avranno raggiunto la doratura. Servire caldi accompagnandoli con birra fredda o vino leggermente frizzante.