Scordiamoci il passato? No!

da | Mar 27, 2019 | Cronaca

di Maurizio Zaccone

A Made in Sud lunedì è intervenuto Pino Aprile, scrittore e giornalista. Un paio di minuti per ricordarci quel pezzo di storia dimenticata, quell’invasione mascherata da annessione che è stata l’unità d’Italia. Quel pezzo di storia negata che stufa sempre un po’ ad alcuni, i quali tendono ad etichettare chi la ricorda come un nostalgico fuori dai tempi o come un bugiardo. Quelle verità che non riescono mai a trovare spazio nei libri di storia. Pino Aprile sfrutta i tempi televisivi dei format che glielo concedono per lanciare pillole di verità, per piantare il seme del dubbio in chi non conosce. Lo fa bene, riuscendo a condensare nel poco tempo concesso una serie di punti fermi che dovrebbero essere la base di qualsiasi successivo ragionamento sull’annoso divario Nord-Sud. Consapevoli tutti di quanto sia difficile trovare spazio per questi argomenti nella tv nazionale, va dato merito a chi, nei tempi e nei modi possibili per il contesto di riferimento, da spazio a ospiti come Aprile. Anche se un po’ mi ha lasciato l’amaro in bocca la conclusione all’intervento citato; prima Biagio Izzo dice: “Certo conoscere il passato ci aiuta a conoscere il presente, ma come diceva mia nonna davanti a una bottiglia di pomodoro, il passato è passato”. Supportato poi dai conduttori Stefano De Martino e Fatima Trotta: “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato, scordiamoci il passato, siamo italiani, paesà”. Era forse il prezzo da pagare per far passare quei due minuti di storia in prima serata, ma dà fastidio la banalizzazione di un tema tanto attuale. “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato”, ecco. Chi ha avuto e chi ha dato? Chi continua ad avere e chi continua a dare? Nella storia risiede la verità e parte delle spiegazioni alle domande di oggi. Certo, siamo tutti italiani, ma “scordarci il passato” aiuta ad un sentimento unitario maggiore? Oggi, ad oltre 150 anni dall’unificazione, si discute di autonomie, di un Nord che pretende il distacco dal Sud. È l’agenda politica attuale, non quella di un tempo. E le ragioni di queste volontà sono tutte nei pregiudizi storici di un Sud lazzarone e palla al piede del Nord. Oggi, non ieri, si è analizzato il risultato elettorale italiano ritenendo che al Sud si fosse votato esclusivamente per il reddito di cittadinanza, a sottolineare la presunta vocazione assistenzialista del meridione. Oggi e non ieri ci hanno raccontato dei Caf presi d’assalto prima di scoprire poi che in Lombardia c’erano gli stessi richiedenti. E se ieri Lombroso teorizzava sul meridionale “delinquente nato” per caratteristiche morfo-genetiche, è oggi che si ospitano in tv pseudo imprenditori che ritengono i napoletani “antropologicamente diversi”. E fra ministri della Repubblica (Bussetti) che invitano gli insegnanti delle scuole a “impegnarsi di più”, sindaci di Pisa (Conti) che si battono per non affiancare il nome dell’Università della loro città a quella partenopea della Federico II con frasi del tipo “i napoletani dimostrino di saper lavorare” ci si rende conto che ora più che mai c’è bisogno di riavvolgere il nastro e riscrivere la storia. Siamo nel paese dove in ogni stadio si sente inneggiare al Vesuvio e ai napoletani colerosi, senza indignazione particolare. Siamo nel paese dove la lega Nord ha raggiunto vette di consensi impensabili. Crescono e prosperano generazioni dal pensiero semplice, indottrinati da tre slogan confortanti i quali gli suggeriscono di essere migliori per cittadinanza, non per merito. Per nascita. E questo è il risultato di anni di malevole narrazione, di cronaca stereotipata e di pregiudizi non confutati. È grazie a questo passato che ci troviamo questo presente. Un presente nel quale ci viene chiesto il conto ogni giorno. E allora facciamolo questo conto, e vediamo davvero chi è “che ha avuto avuto” e chi “ha dato ha dato”. Potrebbe uscirne fuori una storia diversa.

Vomero, ruba uno scooter in un garage: arrestato

Vomero, ruba uno scooter in un garage: arrestato

La notte scorsa gli agenti del Commissariati Vomero, su segnalazione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via Adolfo Omodeo per la segnalazione di furto in un garage di un parco condominiale. I poliziotti hanno bloccato, mentre tentava di uscire dal cortile,...

Arenella, perquisizioni dei Carabinieri: arrestato 34enne

Arenella, perquisizioni dei Carabinieri: arrestato 34enne

A Napoli, nel quartiere Arenella, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia del Vomero hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 34enne del posto già noto alle forze dell'ordine. I militari – nell’ambito dei servizi disposti dal comando...

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

Il presidente del sindacato Nursing up, Antonio De Palma: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui. E vanno garantiti subito uno stipendio degno e l’indennità di specificità infermieristica” “Perché la nostra...

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te