Questione rinnovi: Mertens e Callejon in attesa di una chiamata

da | Mar 22, 2019 | Calcio Napoli

Mancano circa due mesi al termine della stagione e la società partenopea inizia a pensare al futuro. Oltre, ad eventuali nuovi acquisti, il club azzurro pensa alla conferma di alcuni giocatori ed ai loro rinnovi contrattuali. Callejon e Mertens, per esempio, hanno il contratto in scadenza nel 2020. Fino a poche settimane fa, sembrava che per l’esterno destro spagnolo la sua avventura in maglia azzurra stesse per concludersi, ma negli ultimi tempi c’è stato un contatto tra la società ed il suo procuratore. Callejon è un giocatore molto importante per il Napoli di Ancelotti ed è stato sempre un punto di riferimento anche per gli allenatori precedenti Benitez e Sarri. Per il folletto belga, la questione è più complessa. Per il momento non ci sono segnali che facciano pensare al rinnovo di “Ciro”, così come viene chiamato affettuosamente dai tifosi. Quest’anno, Mertens ha avuto un rendimento altalenante. Contro l’Udinese ha giocato una grande partita con un gol e due assist, ma non segnava dallo scorso 29 dicembre (Napoli-Bologna 3-2). Il modulo di gioco di Ancelotti prevede dei cross dal fondo e questo, forse, penalizza il giocatore belga che, per la sua stazza fisica, non è  adatto a giocare con i palloni alti. Inoltre, pare che qualche società cinese sia molto interessata a “Ciro”. I tifosi sperano che Mertens resti ancora per molto tempo. Dopo l’addio di Hamsik, sarebbe un brutto colpo per la tifoseria perdere anche Dries, giocatore a cui i supporters azzurri sono molto legati. Nelle prossime settimane si saprà qualcosa di più. Ci sono, poi, giocatori, il cui contratto scade nel 2021: si tratta di Milik, Zielinski e Maksimovic. Per i primi due non dovrebbero esserci particolari problemi e dovrebbe esserci il rinnovo fino al 2023. Ancelotti ha già dato il suo gradimento. Dopo due anni di (quasi) inattività, il centravanti polacco ha dimostrato di essere un giocatore affidabile, ha segnato quindici gol in campionato ed ha una media realizzativa molto alta con un gol ogni 106 minuti. Quest’anno anche Zielinski ha giocato con una maggiore continuità ed il suo rendimento ha soddisfatto il tecnico del Napoli sia per il suo rendimento che per il suo impegno. Non dovrebbero esserci problemi neanche per Maksimovic. Nelle ultime settimane il difensore serbo ha giocato al posto dell’infortunato Albiol ed il suo rendimento è stato positivo, motivo per cui sembra che il Napoli voglia proporgli il rinnovo fino al 2023.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te