Il silenzio di Adl da quando c’è Carlo

da | Mar 22, 2019 | Calcio Napoli

Né le due sconfitte e i 15 punti di ritardo dalla Juve, né la sconfitta col Milan costata l’eliminazione dalla Coppa Italia e neppure la non bella figura rimediata nella gara di ritorno d’Europa League a Salisburgo, hanno portato il presidente De Laurentiis a esternare malumori o spedire messaggi al veleno, tipo Madrid, verso il suo tecnico come più volte accaduto in passato. Unica nota stonata, dopo lo 0-0 interno contro il Chievo quando, da bonus pater familias, si lasciò andare ad un “Avrei tante cose da dire ma non voglio destabilizzare lo spogliatoio”. Una tregua, una dichiarazione di pace, un insolito ramoscello d’ulivo porto… Ma a chi? Con 60 punti e secondo posto in campionato, ma con 10 punti in meno della passata stagione e ancor più lontano dalla Vecchia Signora, il silenzio di De Laurentiis se da un lato potrebbe essere definito “cantatore” ammaliato da Ancelotti, dall’altro appare quanto meno singolare per un personaggio le cui turbolenze dialettiche, le provocazioni, ripicche verbali e vari “vaffa” hanno alimentato notes, microfoni e telecamere famelicamente alla caccia del “pezzo”. Vuoi vedere che, innamorato com’è, il presidente magari s’è ammosciato oppure sta pensando più a San Nicola che a San Gennaro e San Paolo messi insieme? Sommessamente mi permetto di avanzare due ipotesi per il comportamento da baronetto tenuto da ADL: Il suo innamoramento per Ancelotti, scoppiato improvviso per il carisma e la saggezza calcistica che ispira il tecnico o la necessità di star zitto visto l’aziendalismo dimostrato da un allenatore che, rispettando i desiderata del suo datore di lavoro, dando, come si dice, un colpo al cerchio e uno alla botte, ha impiegato tutti gli elementi della rosa, rivalutando patrimonialmente diversi giocatori anche a discapito di qualche punto in più in classifica. Non c’è dubbio perciò, che con una squadra privata di due elementi come Hamsik e Jorginho ma con ancora 6 unidicesimi della squadra lasciata da Benitez e gli 8 undicesimi del primo Sarri, Ancelotti abbia avuto il grande merito, sin qui, di confermare il secondo posto acquietando il presidente anche con un turn over costante ma non devastante sotto il profilo del rendimento globale. Ora, però, c’è bisogno di un mercato im portante, di un restyling profondo per rinnovare stimoli e ambizioni di uno spogliatoio che, dopo lo “scippo” tricolore della scorsa stagione, ha già fatto molto nella presente visti gli infortuni e l’età di alcuni veterani. Il rinnovo di Giuntoli è stato il primo passo di De Laurentiis per zittire le voci sul passaggio del diesse ad altri club. Aurelio primo ora dovrà concertare con tecnico e manager il piano di rafforzamento della rosa, meditando con attenzione sulle cessioni e programmando gli acquisti giusti (almeno 3 titolari, ndr) in grado di aumentare la competitività di rosa e formazione. Il modo di fare mercato di De Laurentiis, tutto occhi al bilancio, non induce all’ottimismo, ma Ancelotti è tecnico di vaglia e uomo d’un pezzo per cui, il rispetto dovutogli, dovrebbe spegnere ogni critica o strategia minimalista del presidente in sede di campagna acquisti. Resta da capire che Napoli s’accorderanno a costruire: Maturo e vincente oppure giovene, esuberante ma discontinuo e privo della necessaria esperienza per puntare a vincere? Parlerà il presidente o lascerà onori e oneri ad Ancelotti di comunicarlo al popolo azzurro? Non ci resta che attendere. Con Santa Pazienza! D’altra parte, “Cu ‘a pacienza se va mparaviso”. Ancelotti lo ha già fatto e dimostrato con Berlusconi. Possibile che non ci riesca con un De Laurentiis già disposto a tenerselo “a vita”, senza paure di sgarbi o tradimenti, tutto preso com’è da amorose intese fatte di languidi sguardi e tenere carezze pedatorie?

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te