Le liti tra fratelli: come affrontarle

da | Mar 19, 2019 | Psicologia

Gelosia tra fratelli: imparare a gestire la gelosia è una competenza che sarà utilissima ai bambini ed anche agli adulti nelle relazioni future. La nascita di un fratellino/ sorellina è un cambiamento per l’intero sistema familiare, ma le aspettative degli adulti non sono le stesse di un figlio/a che fino a quel momento ha avuto tutte le attenzioni per lui/lei. Non c’è da stupirsi se questo cambiamento lo spaventa rendendolo geloso, insicuro, irritante fin quando non si adatterà al nuovo sistema familiare. Ogni bambino manifesta la gelosia in maniera estremamente personale, ad esempio assumendo comportamenti regressivi (fare la pipì a letto, voler essere imboccato, regredire nel linguaggio), manifestando comportamenti aggressivi (rompere i giocattoli, fare dispetti,competere con i coetanei spostando i sentimenti di rivalità sui compagni di gioco con i quali può litigare e picchiarsi sentendosi meno in colpa che con il fratello), tendendo a isolarsi o somatizzando le emozioni. I sentimenti di gelosia provocano, al tempo stesso, sensi di colpa intensi, che si traducono in atteggiamenti e comportamenti che possono risultare inspiegabili al genitore. È importante comprendere che il bambino non si comporta male di proposito, bensì prova insicurezza e paura: ha bisogno di essere accompagnato verso l’importante cambiamento familiare in arrivo. Se il bambino avverte che i suoi tentativi di tornare piccolo sono compresi e riconosciuti, capirà che non sono l’unico modo per entrare in contatto col genitore. Inoltre il tentativo di annullare le sue percezioni di cambiamento (“tranquillo: non è cambiato niente!”) o porsi come supergenitori capaci di raddoppiarsi per mantenere inalterati gli equilibri comporta solo intenso stress per i genitori, e sensazione di essere imbrogliati per i bambini. Se, invece, il bambino sente confermata la propria percezione che le cose sono cambiate potrà creare lo spazio perriconoscere la gelosia come sensata, così da trovare modi adeguati per gestirla. La gelosia è una prova necessaria alla crescita del bambino, “è normale e salutare. La gelosia nasce dal fatto che i bambini si amano ed amano, se non sono capaci di amore non dimostrano nemmeno gelosia” (Winnicott). Rappresenta una conquista importante poiché rivela la capacità del piccolo di amare. Imparare a gestirla fin da piccoli in maniera positiva faciliterà e renderà più serene le future relazioni sociali in età adulta. Dunque:

– è importante parlare apertamente e con serenità. Il bambino ha bisogno di aiuto nell’esprimere i suoi sentimenti. La comunicazione, l’attenzione e l’affetto gli permetterà di comprendere che la gelosia è un sentimento normale ed i genitori amano i figli allo stesso modo (anche se dedicano attenzioni particolari differenti, non per il diverso affetto ma semplicemente per le diverse esigenze e caratteristiche del bambino);

– anche se il tempo dopo l’arrivo del neonato sembra non essere sufficiente, è importante rispettare i rassicuranti rituali che c’erano prima tra genitori e bambino (fare un lungo bagnetto caldo la sera, leggere una fiaba prima di addormentarsi);

– evitare affermazioni: ”Sei grande”- Il sentirsi grande non dovrebbe mai comportare una responsabilità eccessiva; o “l’abbiamo fatto per te” , “è un regalo per te “- un bambino è ciò che si desidera per sé e non per fare compagnia ad un altro; o “devi voler bene a tuo fratello” – i sentimenti non si impongono. Al contrario è importante renderlo partecipe nella cura del fratellino/ sorellina, incoraggiarlo a tenere in braccio e a toccare liberamente il neonato: la vicinanza fisica è il metodo migliore per scoprire l’affetto reciproco. Man mano che il piccolo cresce ed interagisce con il fratello più grande, i genitori dovrebbero evitare di interferire nella costruzione del loro rapporto. Imparare a gestire la gelosia è una competenza che sarà utilissima ai bambini ed anche agli adulti nelle relazioni future. “I nostri rapporti portano per la maggior parte l’impronta del nostro vissuto con i nostri fratelli e le nostre sorelle durante l’infanzia, fatto di gioco, di rifiuto, di solidarietà e di altre emozioni primitive”(Lisbeth von Benedeck).

In altre parole, noi andremo a riprodurre inconsapevolmente con gli amici o i colleghi le stesse dinamiche ed emozioni di gelosia, rivalità o complicità e solidarietà. Se i rapporti con i fratelli sono stati vissuti ed elaborati sufficientemente bene anche i nostri rapporti di amicizia e di gruppo saranno altrettanto armoniosi. Se invece non è stato così, non è mai troppo tardi per riconoscerle e iniziare a vivere con maggiore consapevolezza e serenità le attuali e le future relazioni.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te