Gestaccio, Ronaldo indagato

da | Mar 19, 2019 | Sport

di Maurizio Zaccone

L’Uefa decide di “indagare” sull’esultanza di Ronaldo; è questa la notizia shock che campeggia su tutti i quotidiani e siti d’informazione sportiva. Oggetto delle indagini l’esultanza di CR7 durante Juventus – Atletico Madrid della settimana scorsa. Giovedì si saprà come intenderanno procedere ma per ora si sa che il caso da esaminare è stato classificato come “condotta impropria”. È già una pista; ora le indagini proseguiranno e si cercherà di capire quelle mani protese verso le parti basse, a simulare un rigonfiamento delle stesse, cosa avranno mai potuto significare. Difficile stabilirlo.

Complicato anche capire a chi intendesse mai rivolgersi con quel gesto, se ai colchoneros o verso qualche identità invisibile frappostasi tra lui e i sostenitori avversari. Ma la commissione disciplinare ha intenzione di vederci chiaro e andare a fondo. Un indizio potrebbe arrivare dalle immagini di Atletico-Juventus, dove si è visto Diego Simeone esibirsi in una “colorita” esultanza costatagli 20.000 euro: il “Cholo” era stato infatti deferito per condotta impropria e l’Uefa lo ha sanzionato proprio per questo importo. A prima vista sembrerebbero infatti le stesse esultanze, ma a leggere i giornali di sicuro ci saranno differenze che ci sono sfuggite. Perché il giorno dopo Atletico Madrid – Juventus abbiamo letto: “Che fosse un gestaccio verso i rivali (inammissibile) o un’esultanza particolarmente forte (e scorretta), è stato comunque uno spot di cui la Champions non aveva bisogno” (gazzetta.it). “Simeone perde la testa sul gol: gestaccio verso il pubblico” (ilgiornale. it). “Atletico Madrid-Juventus, quel troglodita di Simeone” (repubblica.it) e tutta una serie di titoli e processi sulla volgarità, la mancanza di stile e la cafonaggine espressa dal Cholo. Tutto giusto, per carità, specie in un paese dove urlare “Forza Vesuvio” e “Colerosi” è fine ironia. Poi però accade che Ronaldo fa lo stesso nella partita di ritorno. Ed ecco che le “palle” del portoghese non sono più volgari e offensive, ma diventano la “risposta al Cholo” con la quale CR7 “zittisce” Simeone. Era di certo impossibile sperare in una narrazione diversa dopo 8 mesi di santificazione del prodigio portoghese, riuscito a sfuggire ad ogni critica nonostante indagini e condanne fuori dal campo e prestazioni non all’altezza sul campo. Ma il silenzio su presunte cadute di stile cala anche su Douglas Costa, che in tribuna sfrega il suo “pacco” manco fosse la lampada di Aladino, rivolto anche lui in maniera chiara verso i sostenitori spagnoli. Silenzio totale. Lo stesso Douglas Costa del tris da record a Di Francesco in Juve-Sassuolo del 16/09/2018; gomitata, testata e sputo in viso. Ci volle l’intervento del Var per farlo espellere. Lo stesso Douglas Costa che quando aggredì l’arbitro Oliver durante il match con il Real Madrid non se ne accorse nessuno e anzi la Gazzetta ci raccontò il giorno dopo della vocazione religiosa della sua famiglia, con il padre “pastore battista” e lui “predicatore” in casa Juve.

Ora attendiamo giovedì per sapere il responso, anche se Allegri ha già confortato tutti: “Ronaldo non sarà assolutamente squalificato”. Motivando anche in maniera inoppugnabile il suo ragionamento: “tutti hanno esultato in maniera diversa uno dall’altra, sia in campo che fuori”. Ci sono quindi chiare due cose: una è che ciò che conta è l’originalità dei gesti, non l’eventuale inappropriatezza. La seconda è che i verdetti in casa Juve li sanno già tempo prima. Ma questo, in fondo, già lo sapevamo.

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

“È stata un'edizione del gran premio Lotteria memorabile e poco prevedibile come nelle attese, perché tanti i campioni in campo, tanti i motivi e i retroscena di una delle più belle edizioni di sempre. A parte il vincitore Zacon Gio in binomio con Telethon, i...

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Calcio, ecco quando si saprà se il campionato potrà ripartire

Col fiato sospeso e col cuore in gola. Perché per il calcio la prossima settimana fino al 18 maggio saranno giorni decisivi. Dopo il via dato dalla cancelliera Merkel alla ripartenza della Bundesliga e i buoni propositi dei governi spagnolo e inglese per Liga e...

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

La teoria evoluzionistica di Darwin parte da un concetto fondamentale che è la capacità di adattamento degli esseri viventi, non necessariamente solo l’uomo, alle modificazioni dell’ambiente e di altri fattori naturali che possono intervenire. Trasmutando i fatti,...

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Ancora non sono riuscito a capire se il ministro Vincenzo Spadafora si stia comportando con il calcio e tutte le sue componenti come il bimbo che porta il pallone nel parco o nel cortile di casa che vuole decidere lui solo chi degli altri bimbi deve giocare, come deve...

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

È diventato un braccio di ferro, politico ma non solo. Economico, sociale, ideologico? C'è di tutto dietro il “no” alla ripresa degli allenamenti di calcio per le società il 4 maggio prossimo. Ma c'è soprattutto l'arroganza, quella dell'inusuale tandem politico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te