Università – L’Orientale si apre al Cinema con il laboratorio di Francesco Giordano

da | Mar 15, 2019 | Cultura&Spettacolo

Il cinema non è solo una forma d’arte, in realtà è una nuova forma di vita. Sembra essere questo l’assunto di base e insieme la formula vincente del laboratorio di “Produzioni audiovisive, teatrali e cinematografiche” presso l’Università di Napoli “L’Orientale” all’interno del corso di laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Dopo il successo dello scorso anno è ripartito lo scorso 12 marzo (con attività previste fino al 4 giugno) il laboratorio nato da un’idea del docente, regista, videomaker e direttore dell’associazione culturale VED Francesco Giordano.

Quest’attività laboratoriale ha il grande pregio di essere stata pensata per “portare il mondo pratico del lavoro agli studenti”, come ha illustrato il docente poiché solitamente l’Università offre agli studenti esclusivamente una preparazione teorica senza dare loro la possibilità di fare un’esperienza concreta sul campo o di confrontarsi con professionisti dei settori coinvolti. Sono 35 i ragazzi partecipanti, che già dalla prima lezione introduttiva hanno mostrato grande partecipazione e interesse, perché coinvolti direttamente con attività pratiche con la possibilità quindi di mettersi in gioco.

Il prof. Giordano, dopo aver dato i primi fondamenti di tecniche di ripresa, inquadratura, messa a fuoco, ha subito lanciato una sfida agli studenti che si sono precipitati entusiasti a fotografare il Vesuvio semi-innevato osservato dall’aula  con il proprio smartphone, dimostrando come anche il comune cellulare può diventare uno strumento di lavoro e di creazione artistica se correttamente utilizzato. L’inizio di questo nuovo ciclo prevede moltissime novità e sarà ancora più valorizzato e potenziato l’aspetto  laboratoriale: “Ogni lezione (della durata di due ore)  sarà divisa in un’ ora di lezione accademica ed in un’altra ora di stage pratico. Ampio spazio sarà dato agli stessi studenti partecipanti che abbiano prodotto già un lavoro filmico con la possibilità di presentarlo pubblicamente e di discutere della loro esperienza, in modo da dare  loro indicazioni su come migliorarlo e come distribuirlo al meglio. Il corso porterà anche alla realizzazione in aula di un cortometraggio o di un prodotto audiovisivo che nascerà dall’attività di stage e sarà girato dagli allievi diretti da me”. Così racconta l’avvio della sua avventura il prof. Giordano, entusiasta di essersi interfacciato con allievi motivati e curiosi che potranno essere di stimolo per gli incontri e per la vasta rete di professionisti dell’audiovisivo coinvolti.

In calendario infatti sono già previsti proiezioni (anche aperte al pubblico), dibattiti, seminari: da Maurizio Gemma della Film Commission Regione Campania all’attrice Maria Bolignano che presenterà la sua web serie al regista e direttore della fotografia Pino Sondelli al regista, autore e drammaturgo Pino Sondelli, solo per citarne alcuni. Ma il professore garantisce che potrebbero esserci sorprese molto interessanti e ospiti particolarmente graditi al pubblico giovanile e non solo. Si sa, le rivoluzioni non si fanno in un giorno, ma iniziano da un passo e Francesco Giordano sta portando nel mondo accademico qualcosa di nuovo, significativo,importante, che coinvolge i giovani facendoli sentire protagonisti di un processo creativo e performante, una vera e propria comunità di pratica in cui lo scambio di conoscenze, idee, competenze, emozioni è alla base dell’apprendimento e della crescita personale e professionale.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te