Università – L’Orientale si apre al Cinema con il laboratorio di Francesco Giordano

da | Mar 15, 2019 | Cultura&Spettacolo

Il cinema non è solo una forma d’arte, in realtà è una nuova forma di vita. Sembra essere questo l’assunto di base e insieme la formula vincente del laboratorio di “Produzioni audiovisive, teatrali e cinematografiche” presso l’Università di Napoli “L’Orientale” all’interno del corso di laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Dopo il successo dello scorso anno è ripartito lo scorso 12 marzo (con attività previste fino al 4 giugno) il laboratorio nato da un’idea del docente, regista, videomaker e direttore dell’associazione culturale VED Francesco Giordano.

Quest’attività laboratoriale ha il grande pregio di essere stata pensata per “portare il mondo pratico del lavoro agli studenti”, come ha illustrato il docente poiché solitamente l’Università offre agli studenti esclusivamente una preparazione teorica senza dare loro la possibilità di fare un’esperienza concreta sul campo o di confrontarsi con professionisti dei settori coinvolti. Sono 35 i ragazzi partecipanti, che già dalla prima lezione introduttiva hanno mostrato grande partecipazione e interesse, perché coinvolti direttamente con attività pratiche con la possibilità quindi di mettersi in gioco.

Il prof. Giordano, dopo aver dato i primi fondamenti di tecniche di ripresa, inquadratura, messa a fuoco, ha subito lanciato una sfida agli studenti che si sono precipitati entusiasti a fotografare il Vesuvio semi-innevato osservato dall’aula  con il proprio smartphone, dimostrando come anche il comune cellulare può diventare uno strumento di lavoro e di creazione artistica se correttamente utilizzato. L’inizio di questo nuovo ciclo prevede moltissime novità e sarà ancora più valorizzato e potenziato l’aspetto  laboratoriale: “Ogni lezione (della durata di due ore)  sarà divisa in un’ ora di lezione accademica ed in un’altra ora di stage pratico. Ampio spazio sarà dato agli stessi studenti partecipanti che abbiano prodotto già un lavoro filmico con la possibilità di presentarlo pubblicamente e di discutere della loro esperienza, in modo da dare  loro indicazioni su come migliorarlo e come distribuirlo al meglio. Il corso porterà anche alla realizzazione in aula di un cortometraggio o di un prodotto audiovisivo che nascerà dall’attività di stage e sarà girato dagli allievi diretti da me”. Così racconta l’avvio della sua avventura il prof. Giordano, entusiasta di essersi interfacciato con allievi motivati e curiosi che potranno essere di stimolo per gli incontri e per la vasta rete di professionisti dell’audiovisivo coinvolti.

In calendario infatti sono già previsti proiezioni (anche aperte al pubblico), dibattiti, seminari: da Maurizio Gemma della Film Commission Regione Campania all’attrice Maria Bolignano che presenterà la sua web serie al regista e direttore della fotografia Pino Sondelli al regista, autore e drammaturgo Pino Sondelli, solo per citarne alcuni. Ma il professore garantisce che potrebbero esserci sorprese molto interessanti e ospiti particolarmente graditi al pubblico giovanile e non solo. Si sa, le rivoluzioni non si fanno in un giorno, ma iniziano da un passo e Francesco Giordano sta portando nel mondo accademico qualcosa di nuovo, significativo,importante, che coinvolge i giovani facendoli sentire protagonisti di un processo creativo e performante, una vera e propria comunità di pratica in cui lo scambio di conoscenze, idee, competenze, emozioni è alla base dell’apprendimento e della crescita personale e professionale.

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

Il Gran Concerto di Capodanno

Il Gran Concerto di Capodanno

Musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi al Teatro delle Palme Il Gran Concerto di Capodanno: tra musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in allegria e spensieratezza. Il primo gennaio 2022, alle ore...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te