Festa di San Patrizio: l’Irlanda a tavola

da | Mar 15, 2019 | Cucina

Per un menù domenicale alternativo durante il periodo della festività di San Patrizio si possono preparare i piatti tipici del 17 marzo delle case irlandesi. Scopriamoli insieme.

Piatto principale: IRISH STEW

L’Irish Stew è uno stufato di carne di manzo alla birra. Per preparare questo piatto serve la carne di manzo già tagliata a tocchetti. I tocchetti vanno infarinati e fatti rosolare in una padella dove precedentemente va fatto fondere il burro. Vanno poi aggiunte carote, cipolle, sedano e una spruzzata di birra. Il tempo di cottura è di circa due ore.

Irish Stew ( source: Pinterest )

Irish Stew ( source: Pinterest )

Contorno: COLCANNON

Il Colcannon è un contorno a base di patate e verza. Per prepararlo occorre lessare le patate, trasferirle in una ciotola e schiacciarle con una forchetta. Separatamente la verza va tagliata a listarelle e ripassata in una padella, precedentemente imburrata, insieme alla cipolla. Le patate schiacciate vanno poi aggiunte alla verza nella padella continuando a cuocere per un po’. Il Colcannon così ottenuto va trasferito su un piatto da portata e va fatto un buco al centro nel quale deve essere posta una noce di burro. Il Colcannon bollente farà sciogliere il burro rendendo il piatto più ricco e gustoso.

Colcaccon ( source: Pinterest )

Colcannon ( source: Pinterest )

Pane di accompagnamento: SODA BREAD

Il pane irlandese non prevede lievito ma bicarbonato di sodio ( di qui il nome “Soda bread” ) e il latte al posto dell’acqua. E’ il latte infatti a favorire l’effetto lievitante del bicarbonato. Per prepararlo occorre mescolare farina 0, farina integrale, sale, bicarbonato e latte, creare delle pagnotte e infornare a 180° per 35 minuti.

Soda Bread ( source: Pinterest )

Soda Bread ( source: Pinterest )

Dolce: Armagh Bramley Apple

Come dolce niente di meglio di una squisita torta di mele. La tradizione irlandese vuole che le mele siano rigorosamente della Contea di Armagh ( di qui il nome “Armagh Bramley Apple” ), dove San Patrizio fondò la sua prima chiesa, ma nel nostro caso qualsiasi tipo di mela andrà bene. Per la preparazione si può realizzare in casa la pasta frolla o comprarne due dischi già pronti. Imburrare una teglia per crostate e stenderci il primo disco di frolla. Riempire con mele tagliate a fette e cosparse di limone, zucchero di canna e cannella. Ricoprire col secondo disco di frolla, chiudere bene i bordi e infornare a 180° per 30 minuti.

Apple Pie ( source: Pinterest )

Apple Pie ( source: Pinterest )

Bevanda: Birra verde

Per realizzare la Birra verde basta della birra chiara a cui va aggiunto un po’ di Curaçao verde, un liquore ottenuto da una particolare varietà di arancia. Ne basterà un po’ per ottenere il giusto colore verde per la nostra birra irlandese.

Birra verde ( source Pinterest )

Birra verde ( source Pinterest )

E adesso che abbiamo il menù completo per la festa di San Patrizio, non ci resta che gustare questi piatti condividendo colori e sapori di una festa britannica diventata ormai anche un po’ italiana.

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

Nuovo mini ciclo di degustazioni all'Osteria Partenope al Vomero, in via Cimarosa. Mercoledì 14 ottobre sarà la volta di BBIV! Degustazione delle etichette dell’azienda Mustilli, tra cui il novello vincitore dei 3 bicchieri del Gambero Rosso: Vigna Segreta! Vi...

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

In via Cimarosa la migliore cucina mediterranea della tradizione si fonde con l’innovazione All’Osteria Partenope, al civico 56 bis di via Cimarosa, nel cuore del Vomero, la città finisce e lascia spazio al mare: si entra così in un pittoresco vialetto con i tavolini...

Da Vittorio? Presto e bene!

Da Vittorio? Presto e bene!

“Salvatò dovete aggiungere ‘presto e bene’ all’insegna qua fuori, perché da voi si mangia veramente così e tutti lo devono sapere”. A suggerire il nome odierno della nota trattoria “Da Vittorio presto e bene”, al civico 23 di via Niutta all’Arenella, fu un’affezionata...

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO Annullato il quarto appuntamento di Chef in Pizzeria che il prossimo 27 Febbraio avrebbe dovuto ospitare il Maestro Ernst Knam: a seguito delle disposizioni in materia sanitaria e in via prudenziale, oltre che in virtù...

Ecco il vino per il panino

Ecco il vino per il panino

“Felicità è un bicchiere di vino con un panino” cantavano Albano e Romina nel ’82, in una delle canzoni più celebri del duo, esaltando la sensazione di benessere sprigionata dal connubio tra i due elementi. E non è certamente un caso se la speciale commistione di...

“Evoluzione 2020”

“Evoluzione 2020”

Eccezionale impegno nella valorizzazione e promozione dell’olio extravergine di oliva di qualità”: è con questa motivazione che la pizzeria dei Fr.lli Francesco&Salvatore Salvo ha ricevuto un premio nell’ambito della kermesse “Evoluzione 2020”, organizzata da...

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta arrivò in Italia nell’anno 1000 introdotta dalla principessa bizantina Maria Argyropoulaina che sposò Giovanni Orseolo, figlio del doge di Venezia. Si trattava di forchettoni d’oro molto appuntiti a 2 o 3 rebbi, nate fondamentalmente per infilzare i...

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Dall’incontro di due eccellenze del made in Italy nasce Wine for pizza, il vino perfetto da degustare insieme alla pizza. La scelta che farà sicuramente felice gli enoappassionati stanchi del classico abbinamento delle pizze con le birre, è frutto dell’ingegno degli...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te