Tragedia Ethiopian Airlines – Tra i morti Sebastiano Tusa l’archeologo del mare: il ricordo di docenti e studenti e del Suor Orsola

da | Mar 12, 2019 | Cronaca

“Le sue lezioni finivano alle sette di sera ma nessuno se le perdeva. Mi sono innamorato delle ricerche archeologiche in mare grazie alla curiosità che sapeva trasmetterci nello studio della cultura delle civiltà umane preistoriche attraverso l’analisi dei reperti materiali”. C’è grande commozione nelle parole di Carmine Marra, oggi grafico dell’Università Suor Orsola Benincasa, che è stato tra i tanti studenti di Sebastiano Tusa, assessore ai beni culturali della Regione Sicilia, scomparso ieri tragicamente insieme agli altri passeggeri e all’equipaggio del Boeing 737 Max dell’Ethiopian Airlines che da Addis Abeba avrebbe dovuto portarlo a Nairobi per un progetto dell’Unesco.

Tusa con Napoli e la Campania aveva un legame speciale come raccontano i suoi ex studenti e i tanti colleghi della Facoltà di Lettere del Suor Orsola dove dal 2000 insegnava Paletnologia all’interno di Corsi di laurea, Scuole di Specializzazione e Master nel settore dei beni culturali. Ma nelle aule del Suor Orsola per tutti era soprattutto ‘l’archeologo del mare’. Lui che insieme con Massimiliano Marazzi Claudio Mocchegiani Carpano era stato tra i pionieri degli studi italiani nel settore dell’archeologia del mare che aveva visto proprio al Suor Orsola, per la prima volta in Italia, la nascita di uno specifico indirizzo di studi all’interno dei corsi di laurea del settore dei beni culturali e dell’archeologia. Passione e competenza che aveva riversato nel grande impegno per la sua terra quando nel 2004 era stato chiamato dalla Regione Sicilia a dirigere la prima soprintendenza del Mare d’Italia.

“Il mondo dell’archeologia perde un protagonista forse insostituibile di cui mi ha sempre colpito la passione con cui cercava nei fondali dei nostri mari le tracce degli uomini del passato. Per lunghi anni è stato un pilastro del nostro corpo docenti”. Così Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, ricorda Sebastiano Tusa. Proprio a lui il 22 Marzo sarebbe toccato aprire al Suor Orsola il congresso internazionale sulle Nuove tecnologie per i beni culturali. Un congresso che sarebbe dovuta essere l’occasione per discutere di un nuovo progetto tra la Regione Sicilia e il Cluster Tecnologico Nazionale TICHE (Technological Innovation in Cultural Heritage) e che ora sarà l’occasione per presentare i risultati dei suoi ultimi studi sulla ricerca tecnologica in mare.

Tusa con Marazzi e gli studenti

Da Procida a Pantelleria: le missioni archeologiche del Suor Orsola con Sebastiano Tusa

Anche grazie al lavoro di Sebastiano Tusa l’Università Suor Orsola Benincasa è stata protagonista negli ultimi vent’anni di prestigiose missioni archeologiche, anche internazionali. Su tutte quella relativa al grande progetto di scavo sul sito preistorico di Mursia a Pantelleria dove da oltre dieci anni già si lavora con moderne tecniche di rilevazione tridimensionale.

Ma è anche a due passi da Napoli che Tusa ha speso per anni la sua passione per l’archeologia del mare. Risalgono al 1975 i suoi primi interventi sulle isole di Procida e di Vivara dove insieme con Massimiliano Marazzi, fondatore del Centro Euromediterraneo per i Beni Culturali dell’Università Suor Orsola Benincasa, negli ultimi anni aveva dato vita ad un importante progetto scientifico e museale sui “Beni archeologici reali e virtuali tra mare e terra”. Mare e terra, quello che è stato il binomio di una vita che Tusa, come ricorda il prof. Marazzi, che ha speso “fondendo un grande impegno scientifico da studioso di altissimo profilo a straordinarie qualità umane relazionali con le quali aveva saputo costruire importanti alleanze progettuali in numerose parti del mondo”. In giro per il mondo fino all’ultimo istante di una vita spesa in viaggio per le sue grandi passioni che per fortuna hanno fruttato numerose scoperte che resteranno per sempre custodite nel patrimonio artistico e culturale del nostro Paese.

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia Metropolitana, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te