Da Sophia Loren a Matilde Serao: le donne napoletane che resteranno nella storia

da | Mar 11, 2019 | Cultura&Spettacolo

Da Sophia Loren a Matilde Serao, da Titina De Filippo a Lina Sastri, sono tante le donne napoletane che sono rimaste e che resteranno nella storia per le loro caratteristiche e capacità che in alcuni casi le hanno rese un mito.

Nel cinema la stella napoletana che continua a brillare nel firmamento di Hollywood è sicuramente Sophia Loren. Sophia Villani Scicolone nata a Roma il 20 settembre 1934 ma vissuta a Pozzuoli e a Napoli, inizia giovanissima, con l’appoggio di sua madre, negli anni ‘50, a soli 16 anni, a lavorare nel cinema e nello spettacolo grazie anche al matrimonio col regista Carlo Ponti nel 1950. Diretta da registi del calibro di Vittorio De Sica, Dino Risi, Charlie Chaplin, Ettore Scola, ha recitato in film rappresentativi del cinema italiano degli anni ’50 e ’60 affiancando attori anch’essi miti del cinema come Marcello Mastroianni, Vittorio De Sica ma anche Cary Grant, Raf Vallone, Frank Sinatra, John Wayne, Antony Quinn. Pluripremiata con nove David di Donatello, tre Nastri d’Argento, due Globi d’oro, due Premi Oscar, cinque Golden Globe grazie a La Ciociara” ( Oscar, Nastro d’Argento, Cannes, Bafta e New York FCCA ) ma anche “Ieri, oggi e domani”, “Matrimonio all’Italiana”, ”Una giornata particolare”, “La baia di Napoli” e molti altri per cui è stata insignita sempre del titolo di “Miglior attrice protagonista”. Il suo portamento, la sua eleganza e perfino alcune battute dei suoi film resteranno per sempre negli annali del cinema italiano.

Dal cinema al teatro, altra figura femminile di grande valore è sicuramente Titina De Filippo. Annunziata De Filippo, nata a Napoli il 27 marzo 1898, figlia del grande Eduardo Scarpetta e sorella maggiore di Eduardo e Peppino, è annoverata tra le più importanti attrici del teatro italiano del ‘900. Lavorando fin da piccola per varie compagnie teatrali da Vincenzo Scarpetta a Francesco Corbinci, Titina raggiunge il successo trentenne quando fonda con i suoi due fratelli “Il teatro umoristico I De Filippo” che debutta il 25 dicembre del 1931 con la grande commedia scritta da Eduardo “Natale in Casa Cupiello”. Col fratello Eduardo e con la sua “Compagnia di Eduardo” la sua carriera raggiunge l’apice con tutto il grande repertorio teatrale di Eduardo De Filippo da “Napoli milionaria” a “Filumena Marturano”, da “Questi fantasmi” a “Le voci di dentro” . Sempre con Eduardo la troviamo anche nella pellicola “Ferdinando I Re di Napoli”. Muore a Roma il 26 dicembre del 1963 e per sua volontà viene seppellita a Manziana, alle porte di Roma.

Non c’è Napoli senza musica e la musica ma soprattutto la voce di Lina Sastri rappresenta la voce delle donne napoletane, una voce forte e grave che trasmette passione e calore. Pasqualina Sastri nata a Napoli il 17 novembre 1953 ha iniziato a incidere dischi nel 1989. Tra i migliori ricordiamo “Concerto Napoletano”, “Sole, Cielo e Mare” e “Reginella”. Nel 2011 è stata insignita del titolo di “Commendatore al merito” dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Ma l’arte è anche quella dello scrivere e una delle migliori penne italiane è sicuramente quella della giornalista e scrittrice napoletana Matilde Serao. Nata a Patrasso, in Grecia, il 14 marzo del 1856 da padre avvocato e giornalista napoletano e madre nobile greca, torna a Napoli dopo l’esilio del padre e si diploma. Lascia Napoli per collaborare a Roma col giornale “Capitan Fracassa” e fonda nel 1885 col giornalista Edoardo Scarfoglio, che diviene poi suo marito, il giornale “Il Corriere di Roma”. Chiamati entrambi a Napoli dal “Corriere del Mattino”, il loro giornale cessa di esistere unendosi al Corriere del Mattino e dando vita al “Corriere di Napoli” con cui iniziano a collaborare anche scrittori importanti del calibro di Giosuè Carducci, Gabriele D’Annunzio e Salvatore Di Giacomo. Nel 1891 Serao e Scarfoglio lasciano il Corriere di Napoli e fondano “Il Mattino” il 16 marzo del 1892 ma purtroppo a causa del tradimento di Scarfoglio, Serao lascia anche il Mattino e fonda “Il Giorno”. Muore a Napoli nel 1927 mentre è alla scrivania intenta a scrivere.

Sophia Loren, Titina De Filippo, Lina Sastri e Matilde Serao sono solo alcune delle più preziose gemme di un tesoro napoletano fatto di donne forti, tenaci, belle fuori e dentro, ricche di idee, di passione, di voglia di emergere e di una forza d’animo tale da permettergli di arrivare in cima alla vetta del successo e in fondo al cuore di chi ancora oggi guarda, ascolta o legge le loro grandi opere artistiche.

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

È un bilancio 2020 più che lusinghiero per la casa editrice napoletana Graus Edizioni che nonostante la pandemia da Covid-19, lo smart working, le restrizioni e il divieto di organizzare eventi può esibire confortanti successi di vendita delle sue pubblicazioni. “Non...

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i...

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Un libro-intervista sull’odissea di un manager torinese costretto a trasferirsi e a lavorare a Dubai All’epoca il caso occupò a lungo la ribalta della cronache nazionali. Uno dei tanti scandali giudiziari finiti in una bolla di sapone, con tanto di calvario subito da...

’Nce vurrìa nu miraculo?

’Nce vurrìa nu miraculo?

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’ Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e...

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500...

Teatro, la casa diventa scena

Teatro, la casa diventa scena

Oggi in diretta sulla pagina Facebook del Suor Orsola Benincasa il progetto “Screen Life Theatre” “Screen Life Theatre”. La casa che diventa scena. Azioni performative che dalle case degli attori raggiungono le case degli spettatori. Sono le nuove frontiere del teatro...

Carnevale in tempo di pandemia

Carnevale in tempo di pandemia

Quest’anno i festeggiamenti saranno diversi dal solito: prevarranno le regole sulla tradizione Il Carnevale è la festa del disordine, carnem levare, eliminare la carne, una festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali, in onore di Bacco, dio del vino, della...

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

È interessante talvolta ritrovare libri che trattano problematiche poste in essere vari lustri e decenni fa e che - nonostante il tempo trascorso - non sono adeguatamente evolute. Sono questi squarci editoriali infatti che lasciano intravedere l’attenzione e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te