Sassuolo-Napoli pari deludente: la prestazione degli azzurri non convince

da | Mar 10, 2019 | Calcio Napoli

Ripartire dopo la sconfitta contro la Juventus è il vero obiettivo del Napoli, ma nel campo del Sassuolo di De zerbi, gli uomini di Ancelotti si presentano in pigiama e pantofole, infatti lasciano il possesso palla ai neroverdi e nonostante questo passano 2 minuti e, a trovarsi davanti alla porta di Pegolo, è Insigne che con la convinzione di essere in fuorigioco esplode un tiro che finisce fuori dallo stadio. Passano pochi minuti e a trovarsi difronte a Pegolo è Mertens che rispettando il vestiario del Napoli sceso in campo, si addormenta facendosi recuperare dal difensore del Sassuolo. Passano ancora pochi minuti e di nuovo Insigne si ritrova solo davanti all’estremo difensore neroverde, il tiro praticamente è per colpire il portiere. Alla mezz’ora tocca a Simone Verdi ritrovarsi a tu per tu con Pegolo, ma anche lui tira fuori dallo stadio. Si chiude il primo tempo con due occasioni del Sassuolo che sfiora il vantaggio, da segnalare la pessima prestaziona di Ounas che in tre occasioni non scarica la palla facendo perdere ulteriori palle gol al Napoli.

Secondo tempo che inizia sulla linea del primo e bastano solo otto minuti al Sassuolo, per trovare il vantaggio con Berardi. Dallo svantaggio il Napoli non si riprende piĂą, non crea piĂą pericoli alla porta di Pegolo, mentre il Sassuolo in ripartenza crea altri grattacapi agli azzurri. Solo un buon tiro di Diawara, tra l’altro deviato, impegna l’estremo difensore del Sassuolo che devia in angolo. Nemmeno l’ingresso di Younes e Milik scuotono un Napoli troppo brutto che però trova il pareggio a 5 minuti dalla fine, quando Insigne, su un errore del capitano neroverde che non controlla in area un errato cross di Ghoulam, calcia a pochi metri dalla porta senza pensarci beffando Pegolo e il Sassuolo che fino a quel momento stava controllando il match. Capolista a +18, è vero che il campionato non ha piĂą nulla da dire e che si pensa all’Europa League, ma in campo si deve scendere sempre con dignitĂ  onorando la maglia, gli stimoli non devono mai mancare anche perchĂ© dai +14 dal quarto posto ormai si è a +7. In tutto ciò, Ancelotti ha preservato alcuni titolarissimi come Zielinski, Fabian Ruiz e Callejon, provando anche i prossimi due difensori titolari in Europa, Chiriches nel primo tempo e Luperto nel secondo.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te