Cosimo Esposito presenta il suo primo album

da | Mar 8, 2019 | Cultura&Spettacolo

Campano, 26 anni, un volto pulito da ragazzo perbene e due grandi passioni: il Napoli e la musica. È Cosimo Esposito cantante di bachata. Da oggi 8 marzo, festa della donna, è in vendita il suo album d’esordio che porta il suo nome: un disco totalmente stile bachata, con 10 brani più 2 bonus, tutti cantati in spagnolo. E oggi anche la presentazione al pubblico del suo nuovo disco dove lo abbiamo incontrato per una breve intervista.

Ciao Cosimo, ci racconti un po’ della tua passione per la musica?

Fin dall’infanzia ho dedicato la mia vita al canto e ogni giorno mi sforzo di realizzare il mio sogno, che è quello di diffondere la mia musica nel mondo. Da bambino amavo cantare e suonare in diversi generi, ma entrando in contatto con la danza caraibica poco a poco ho capito che era questo il genere che mi apparteneva. Così ho deciso di produrre canzoni di bachata e musica Latino-Americana. Sono fortunato a poterle condividere oggi in tutto il mondo.

Come mai canti in spagnolo pur essendo Cosimo campano?

La mia è stata una scelta importante perché amo la musica italiana e soprattutto quella napoletana, ma  sento di appartenere a questo genere per il ritmo travolgente e per il fatto stesso che ballo e canto contemporaneamente quando mi esibisco.

Il tuo primo disco porta il tuo nome…

Sì, ed è un vero e proprio obiettivo raggiunto anche se lo valuto solo come punto di partenza verso un lavoro costante e di passione che mi aspetta ancora. Finora ho pubblicato dal 2016 solo singoli andati a gonfie vele, tra questi Un nuevo amor la canzone che mi ha dato più popolarità in Italia e nel mondo che ha superato le 100.000mila visualizzazioni su Youtube e spopola nelle classifiche di musica Latino-Americana.

disco cosimo

disco cosimo

Com’è il tuo rapporto con il pubblico?

Ho un rapporto meraviglioso con i miei fans, ho dei profili social molto attivi. Ogni giorno interagisco con loro, e lì sui social mi identifico con il nome Cosimo Bachata su tutti i social, non c’è un luogo dove sono più richiesto, ho il piacere di girare tutta l’Italia, sono quasi sempre in tour e a breve anche in Europa.

Hai partecipato a qualche spettacolo o programma tv?

Sono spessissimo presente su Canali tv Locali e non, l’anno scorso durante la trasmissione “Uomini e donne “ su Canale 5, 2 concorrenti hanno ballato una mia canzone Un nuevo amor, il video è disponibile su youtube.

Quali sono i prossimi appuntamenti di Cosimo?

Mi aspetta un tour importante “Album Tour Cosimo”.  Sarò di scena in Italia in Puglia, Calabria, Campania e Sicilia, in Europa in Spagna, Grecia ,Russia, Olanda e Turchia.

Cosa si aspetta Cosimo dal futuro?

Tra i miei obiettivi per il futuro c’è la volontà di continuare a diffondere le mie canzoni nel mondo e continuare a dare grandi emozioni a tutti i miei ascoltatori. Spero che un giorno molto lontano, quando non produrrò più la mia musica, le mie canzoni abbiano lasciato un segno e la gente continui ad ascoltarle, provando sempre le emozioni che hanno provato la prima volta.

Un saluto ai lettori del giornale Napoli.

Un caloroso e affettuoso saluto a tutti i lettori del giornale Napoli: continuate a seguirmi, la mia musica è la musica di tutti.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te