Il boss e l’attualità di Bellavista

da | Mar 4, 2019 | Cronaca

L’arresto del latitante Marco Di Lauro raccontato dal questore De Jesu: “Viveva nascosto in
una casa modesta come Ciccio Mallardo nel 1992”. Nel suo film De Crescenzo l’aveva detto

Marco Di Lauro non era libero di fare niente. Viveva nascosto in una casa modesta del quartiere Marianella. Un piccolo spazio preso in affitto che condivideva con la compagna e con due gatti. Vestiva con un abbigliamento semplice e non usciva quasi mai. Una vita da rifugiato che nessuno potrebbe invidiargli nonostante la posizione di potere ed i soldi che spettano a chi fa il boss. Ma a che servono i soldi se poi non si hanno le cose più preziose della vita: il tempo e la libertà?

Nel corso della conferenza stampa sul suo arresto avvenuto dopo 14 anni di latitanza, il questore Antonio De Jesu ha spiegato che anche il boss Ciccio Mallardo, catturato nel 1992, viveva rinchiuso in una piccola casa e che per mantenere un profilo basso ai vicini aveva detto di essere il titolare di una ditta di pulizia. “I latitanti più scaltri si nascondono tra la gente comune e si mimetizzano con loro”, spiega il questore di Napoli. Ma per evitare (o meglio rimandare) l’arresto non sono liberi di uscire, non possono vestire come vogliono, non possono sfoggiare l’auto nuova, l’orologio di lusso o il cappotto appena acquistato. Niente di tutto questo. Per non parlare poi del fatto che quando vengono arrestati devono scontare le loro pene: Ciccio Mallardo ha già trascorso 34 anni della sua vita nelle patrie galere e Marco Di Lauro da sabato notte è nel carcere di Poggioreale dove trascorrerà i prossimi 10 anni della sua vita. Ogni volta che viene arrestato un camorrista, penso che il dialogo creato su questo tema dal genio di Luciano De Crescenzo nel film Così Parlò Bellavista del 1984 sia sempre più attuale. E che la risposta del professor Bellavista al camorrista sia la pura e semplice verità. “Ma tutto sommato – dice Bellavista al camorrista – nunn’è che fate na vita ‘e merda? Perché penso io: Gesù sì, fate pure i miliardi, guadagnate, però vi ammazzate tra di voi, poi anche quando non vi ammazzate tra di voi, ci sono le vendette trasversali, vi ammazzano le mamme, le sorelle, i figli… Ma vi siete fatti bene i conti? Vi conviene?”. E prendendo spunto dai retroscena delle catture dei boss Marco Di Lauro e Ciccio Mallardo, verrebbe da aggiungere un’altra frase da mettere in bocca al professore Bellavista: “Se vi va bene, perché non venite uccisi o arrestati, diventate dei latitanti e siete costretti a vivere in case modeste, nascosti e senza la libertà di fare niente, neanche di vestirvi come vi pare e piace. Ma vi siete fatti bene i conti? Non è meglio una vita fatta di onestà e di libertà?“.

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te