Migliaccio di Carnevale: storia e ricetta tradizionale campana

da | Feb 28, 2019 | Cucina

Uno dei dolci tipici del Carnevale partenopeo è il tradizionale Migliaccio che vanta origini molto antiche. Dal latino Miliaccium, questo dolce era nel Medioevo un pane fatto di miglio ( di qui il suo nome ) e sangue di maiale. Nel periodo di febbraio i contadini, dopo la lavorazione familiare del maiale, ne usavano il sangue unito al miglio, realizzando così dei pani con cui accompagnavano i pasti durante le giornate invernali. Nel ‘700 la Chiesa Cattolica vietò l’impiego del sangue nella preparazione del pane poiché ritenuta pratica pagana pertanto il sangue venne usato per la realizzazione del sanguinaccio, fatto con sangue di maiale e cioccolato mentre nel Migliaccio il sangue fu sostituito dallo zucchero e il miglio dalla semola.

Ma per offrire ai nostri ospiti una bella fetta di Migliaccio a fine pasto durante i nostri pranzi domenicali di Carnevale, vediamo come si prepara questa leccornia tutta campana, il cui gusto ricorda molto la pastiera e l’interno della sfogliatella, un gusto che ci lascia prefiggere la fine dell’inverno ricordandoci che la primavera è ormai alle porte.

INGREDIENTI:

200 gr di Semolino

300 ml di Acqua

500 ml di Latte

40 gr di Burro

250 gr di Ricotta ( meglio se di pecora )

250 gr di Zucchero

3 Uova

1 buccia d’arancia

1 buccia di limone

1 bustina di Vanillina

1 fialetta di acqua millefiori

Zucchero a velo per guarnire

PROCEDIMENTO

Mescolare a fuoco medio in un pentolino il latte, l’acqua, 50 gr di zucchero, il burro, la vanillina e le bucce di limone e di arancia. Una volta che saranno sciolti, aggiungere poco alla volta il semolino continuando a mescolare. Togliere le bucce di agrumi, spegnere il fuoco e lasciar riposare per mezz’ora.

Intanto montare le uova con 200 gr di zucchero fino a che non diventi un composto spumoso, aggiungere la ricotta e continuare a mescolare. Aggiungere al composto la crema di semolino precedentemente preparata e ormai fredda. Mescolare il tutto avendo cura che non si formino grumi ed aggiungere infine la fialetta di millefiori.

Versare in una teglia di rame o alluminio imburrata e infarinata e infornare a 180° per 50 minuti. Servire freddo con una spolverata di zucchero a velo e… buon appetito!

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

All’osteria Partenope mercoledì di degustazioni: Bbiv!

Nuovo mini ciclo di degustazioni all'Osteria Partenope al Vomero, in via Cimarosa. Mercoledì 14 ottobre sarà la volta di BBIV! Degustazione delle etichette dell’azienda Mustilli, tra cui il novello vincitore dei 3 bicchieri del Gambero Rosso: Vigna Segreta! Vi...

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

Osteria Partenope, un angolo di mare al Vomero

In via Cimarosa la migliore cucina mediterranea della tradizione si fonde con l’innovazione All’Osteria Partenope, al civico 56 bis di via Cimarosa, nel cuore del Vomero, la città finisce e lascia spazio al mare: si entra così in un pittoresco vialetto con i tavolini...

Da Vittorio? Presto e bene!

Da Vittorio? Presto e bene!

“Salvatò dovete aggiungere ‘presto e bene’ all’insegna qua fuori, perché da voi si mangia veramente così e tutti lo devono sapere”. A suggerire il nome odierno della nota trattoria “Da Vittorio presto e bene”, al civico 23 di via Niutta all’Arenella, fu un’affezionata...

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO

CHEF IN PIZZERIA annullato il quarto APPUNTAMENTO Annullato il quarto appuntamento di Chef in Pizzeria che il prossimo 27 Febbraio avrebbe dovuto ospitare il Maestro Ernst Knam: a seguito delle disposizioni in materia sanitaria e in via prudenziale, oltre che in virtù...

Luigi Nastro conquista l’oro alle olimpiadi culinarie a Stoccarda

Luigi Nastro conquista l’oro alle olimpiadi culinarie a Stoccarda

Luigi Nastro ha conquistato il gradino più alto del podio alla 25esima edizione delle olimpiadi culinarie a Stoccarda, aggiudicandosi il titolo di campione del mondo. Luigi Nastro è il campione del mondo della 25esima edizione delle olimpiadi culinarie di Stoccarda,...

Ecco il vino per il panino

Ecco il vino per il panino

“Felicità è un bicchiere di vino con un panino” cantavano Albano e Romina nel ’82, in una delle canzoni più celebri del duo, esaltando la sensazione di benessere sprigionata dal connubio tra i due elementi. E non è certamente un caso se la speciale commistione di...

“Evoluzione 2020”

“Evoluzione 2020”

Eccezionale impegno nella valorizzazione e promozione dell’olio extravergine di oliva di qualità”: è con questa motivazione che la pizzeria dei Fr.lli Francesco&Salvatore Salvo ha ricevuto un premio nell’ambito della kermesse “Evoluzione 2020”, organizzata da...

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta a 4 rebbi: invenzione napoletana

La forchetta arrivò in Italia nell’anno 1000 introdotta dalla principessa bizantina Maria Argyropoulaina che sposò Giovanni Orseolo, figlio del doge di Venezia. Si trattava di forchettoni d’oro molto appuntiti a 2 o 3 rebbi, nate fondamentalmente per infilzare i...

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Frizzante e rigenerante: nasce il vino per la pizza

Dall’incontro di due eccellenze del made in Italy nasce Wine for pizza, il vino perfetto da degustare insieme alla pizza. La scelta che farà sicuramente felice gli enoappassionati stanchi del classico abbinamento delle pizze con le birre, è frutto dell’ingegno degli...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te