Pisani: “Presto un comitato per tutelare il mondo della pizza dalla criminalità. Sarà un presidio fisso di legalità”

da | Feb 26, 2019 | Cronaca

Se vogliamo difendere il mondo della pizza e l’indotto economico dalla criminalità bisogna tutelare il diritto alla pizza e pretendere la presenza e l’attenzione dello Stato”.

Commenta Angelo Pisani, avvocato e presidente di Noi Consumatori, all’Adnkronos, i recenti episodi di criminali verificatisi nella zona Decumani ai danni delle più celebri e storiche pizzerie cittadine. Già tre dagli inizi del nuovo anno: il raid intimidatorio ai danni di  Terra Mia di Mario Granieri i primi di gennaio, la bomba carta contro la pizzeria Sorbillo poche settimane fa e i colpi di pistola contro la pizzeria di Matteo proprio ieri.

Pisani, che è anche il legale del pizzaiolo Luciano Sorbillo e che di recente ha pubblicato il libro intitolato Diritto alla pizza (Rogiosi Editore) sugli interessi e le diatribe legali che si sono consumate e si consumano intorno al piatto più famoso al mondo annuncia che “visti i recenti attacchi della criminalità organizzata molti pizzaioli si stanno organizzando in un comitato in difesa della pizza che faremo nascere presto e che rappresenterà una sorta di presidio fisso di legalità”.

“Dal canto loro – prosegue Pisani – le istituzioni hanno il dovere di difendere sia il diritto alla pizza che le sue potenzialità economiche, non solo il gusto e la tradizione, ma anche il suo valore commerciale, turistico, lavorativo e finanziario infinito ed inestimabile. Questo è un business appetibile, purtroppo, anche per la criminalità che anche con violenza tenta di sedersi al tavolo imbandito e fiorente  per gestire il settore in vari modi in tutto il mondo, dal riciclaggio alle estorsioni. Come scrivo nel mio libro, la pizza è uguale per tutti ma ci sono speculazioni, imbrogli, affari criminali e cattiverie che purtroppo sono diventate gli ingredienti della pizza. Bisogna iniziare a condirla con cultura e legalità – conclude Pisani – perché i valori della pizza sono più forti di ogni male e non bisogna lasciare soli i pizzaioli che, solo così, non si faranno intimidire dalla camorra”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te