Napoli City Half Marathon, presenti i marittimi italiani in segno di protesta

da | Feb 24, 2019 | Cronaca, Sport

Anche i marittimi italiani in questa 6^ edizione della Napoli City Half Marathon, il grande evento di corsa organizzato da Asd Napoli Running con il Comune di Napoli. Il forte vento annunciato nei giorni scorsi non ha fermato la mezza maratona di Napoli che questa mattina alle ore 9 è partita regolarmente dalla Mostra d’Oltremare.

Ben 7500 i podisti ai nastri di partenza e tra questi anche 56 marittimi: 46 provenienti principalmente da Torre del Greco ma alcuni anche dalla lontana Sicilia, per gareggiare alla maratona e altri 10 per partecipare alla staffetta, tutti presenti far conoscere la drammatica situazione di disagio loro e delle loro famiglie, per protestare contro la crisi della disoccupazione a causa della pratica ormai generalizzata di tanti, troppi armatori italiani, di assumere marittimi extra comunitari con salari da fame, stipendi molto inferiori a quelli dei contratti degli italiani.

“Oggi siamo qui – spiega Vincenzo Accardo, Consigliere dell’Associazione “Marittimi per il futuro” di Torre del Greco – perché la mezza maratona è importante per Napoli e la migliore protesa che potevamo fare è stare qui per partecipare e far capire a tutti cosa significa essere un marittimo italiano. Il cosiddetto Governo del popolo non è veramente del popolo perché i suoi rappresentanti fanno solo i selfie e i video con il popolo. Il Movimento 5 Stelle è venuto a Torre del Greco l’anno scorso a febbraio e dicevano che ci avrebbero aiutato ma nessuno ha ancora dato una mano a Torre del Greco, che rappresenta il secondo compartimento marittimo italiano ed ha una gloriosa tradizione. Il risultato di questa politica è che oggi siamo alla fame e sono senza lavoro più di 50.000 marittimi italiani che potrebbero imbarcarsi ma sono fermi. E ciò avviene mentre qualche società appartenente alla Confitarma fa imbarcare gli extracomunitari a bordo sottopagandoli e dando loro 400 dollari al mese. Non abbiamo nulla contro di loro ma devono avere la stessa formazione e fare i corsi come li fanno gli italiani. E devono avere lo stesso stipendio. Speriamo che questa protesta – conclude Accardo – arrivi a chi di dovere”.

D’accordo anche l’armatore Ignazio Messina, presente ai nastri di partenza della gara. “È la mia prima mezza maratona – spiega Messina – e vi partecipo solo per sposare la causa del grande armatore Vincenzo Onorato, presidente di Moby Lines e di Mascalzone Latino in favore dei marittimi italiani. Non si può fare distinzione tra comunitari perché gli italiani ormai sono comunitari a tutti gli effetti ma sugli extracomunitari a bordo bisogna fermarsi un attimo e a mio avviso bisogna dare precedenza agli italiani e non fare accordi sindacali che invece favoriscono solo gli extracomunitari”.

Alla mezza maratona, alla corsa in difesa del diritto al lavoro di decine di marittimi italiani, hanno preso parte, infatti, anche i due i fratelli Achille e Alessandro Onorato della Onorato Armatori, la compagnia che da anni porta avanti con forza e coraggio la lotta per la tutela e l’occupazione degli italiani sulle navi del nostro Paese e che oggi ancora una volta, testimonia con la sua viva presenza, anche in quei 21 chilometri e 97 metri la volontà di essere accanto alla sua gente.

 

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te