La nuova sfida di Onorato per i marittimi italiani: copiare la linea dura decisa dagli inglesi

da | Feb 21, 2019 | Cronaca

Salari minimi: navi sequestrate e galera

per gli armatori che non rispettano le leggi

 

“Copiamo la Gran Bretagna, e diamo ai marittimi, non solo italiani, la speranza di non finire nel vortice o della disoccupazione cronica o della nuova globalizzazione della schiavitù e della povertà”.

A lanciare il nuovo guanto di sfida anche alle istituzioni italiane, alla vigilia della mezza maratona di Napoli che vedrà correre in difesa del loro diritto al lavoro decine di marittimi italiani in lotta, è Vincenzo Onorato, che da un lato annuncia una pressione sulle autorità marittime competenti, affinché sia assicurata massima trasparenza sulle tabelle di imbarco e quindi sulla composizione degli equipaggi delle navi che battono bandiera italiana; dall’altro, rivolge una precisa sollecitazione al governo: “Le navi che entrano nelle acque territoriali italiane dovranno dimostrare, non con documenti farlocchi come spesso accade oggi, che i marittimi a bordo percepiscono almeno il minimo di salario fissato dall’ITF e dall’International Labour Organization. In caso contrario le navi saranno poste sotto sequestro e gli armatori saranno indagati”.

Secondo Onorato la decisione assunta nel gennaio 2018 dal governo di Londra rappresenta un precedente importantissimo nella lotta alla nuova schiavitù.

Le autorità marittime britanniche stanno diffondendo in 50 diverse lingue le informazioni sia agli armatori, che ai broker, e specialmente ai marittimi. L’obiettivo – come sottolineato dal Ministro all’economia, Andrew Griffith – è anche quello di tutelare il lavoro dei marittimi inglesi, ai quali sono spesso preferiti, anche sulle piattaforme petrolifere e nel cabotaggio, marittimi sottopagati.

La nuova normativa britannica, che prevede sanzioni sino al 200% del differenziale salariale, la pubblicazione di una black list degli armatori che non rispettano le leggi e una incriminazione penale – afferma Vincenzo Onorato, che da anni conduce una crociata isolata in difesa degli oltre 50.000 marittimi italiani disoccupati ma anche del diritto dei marittimi extra comunitari a non essere trattati come schiavi – può essere agevolmente mutuata e applicata anche in Italia”.

Come accade in UK, riguarderebbe tutte le attività in acque territoriali italiane (in primis i traffici di cabotaggio), le navi estere impegnate temporaneamente in acque internazionali ma operanti regolarmente in acque italiane, oltre che tutte le navi di bandiera italiana.

Nonostante un aumento a livello internazionale deciso dall’International Labour Organization, il salario medio dei marittimi nel mondo è di 614 dollari per 90 ore di lavoro alla settimana, il che significa nella migliore delle ipotesi 6,8 dollari all’ora.

Sempre secondo l’ILO dal 30 al 50% dei marittimi imbarcati nel mondo percepirebbe paghe pari alla metà di quella sindacale, ovvero circa 300 dollari, il che significa circa 3 dollari all’ora. Chi non accetta paghe da fame resta a casa. Oltre l’85% dei 1.647.500 marittimi nel mondo è filippino, cinese, indonesiano, ucraino o russo.

E alle paghe basse corrispondono rischi altissimi. Secondo una recente indagine di ITF (International Transport Federation) un marittimo rischia la morte sul posto di lavoro 21 volte di più rispetto a quanto accade a un lavoratore di terra.

“Noi diciamo basta – conclude Onorato, confermando il suo sostegno ai marittimi italiani anche in occasione della mezza maratona di domenica prossima – alla globalizzazione della povertà e della schiavitù e quindi alla truffa della bandiera italiana paradossalmente detassata per negare un futuro ai nostri giovani. E chi non rispetta le norme sul salario minimo finisca in galera”.

https://www.gov.uk/government/news/government-sets-out-minimum-wage-rights-for-seafarers-in-uk-water

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te