“Quando vorrai tornare, il Napoli è sempre casa tua”. Adl, il saluto ad Hamsik

da | Feb 9, 2019 | Calcio Napoli

«Quando vorrai tornare, il Napoli è sempre casa tua». Con queste parole, come riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, il Presidente ha salutato Marek Hamsik in partenza per la Cina. L’accordo sembrerebbe giunto finalmente alla sua fase finale. “Nonostante questi giorni di apparente tensione, con una trattativa che mercoledì sembrava drasticamente interrotta, i rapporti personali fra Marek Hamsik e De Laurentiis sono rimasti ottimi, tanto che il capitano – ormai ex – ha regalato un orologio di pregio a quello che resterà il presidente che ha avuto più a lungo in carriera: quasi dodici anni” si legge ancora sul quotidiano che non esclude inoltre l’ipotesi che il Capitano possa un giorno tornare nella terra dei suoi figli in veste dirigenziale.

 

Marek Hamsik e il Dalian, ormai ci siamo quasi. Il Napoli è pronta ad incassare i soldi dell’offerta cinese e vendere il suo capitano dopo dodici anni insieme. E La Gazzetta dello Sport entra nel dettaglio per quanto riguarda il rapporto con Aurelio De Laurentiis e le ultime sull’affare:  ADL gli ha ribadito stima e fiducia: E non è escluso che un domani lo slovacco possa rientrare per una carriera dirigenziale, nella terra dove sono nati i suoi tre figli”.

ten One thing I hate About yourself (1999)

ten One thing I hate About yourself (1999) Senior high school Music try a vintage and you can is really worth a location to your anybody's list of an educated adolescent movies actually. The film, hence generated this new work regarding famous people like Zac Efron...

Register me to pick the hookup tonight

Register me to pick the hookup tonight You will find way too many feamales in your neighborhood who are in need of delivering together with her getting every night more speak online which have local men. Sign up you now. Have you been a female otherwise a man? That...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te