In coppia: “All’inizio eri diverso”. I segreti per ri-conoscersi e amarsi

da | Feb 6, 2019 | Psicologia

L’esperto. Reciprocità e fiducia sono gli ingredienti fondamentali per trasformare l’innamoramento iniziale in una relazione solida

La coppia non è la semplice somma di due individui, 1+1. (In generale quando si entra nel mondo della relazione l’addizione non è un buon criterio descrittivo). Ogni coppia è un sistema fatto di due individualità che portano con sé il proprio “bagaglio” personale e familiare; due storie che si incontrano e attraverso il dialogo, provano (sfida faticosa) a trovare un punto in cui incontrarsi senza provare a vincere sull’altro. Agli albori, nella fase di innamoramento, la coppia si nutre di passione e illusione. Si ignorano le differenze reciproche e ciascuno coglie nel partner gli aspetti che confermano la possibilità di realizzare i propri bisogni e desideri. Superata questa fase – fondamentale per porre le basi della fiducia reciproca – ciascun partner realizza che vi sono parti differenti nell’altro e si ridimensionano le aspettative inizialmente idealizzate. La coppia entra in una fase di trasformazione, in cui potrebbero prevalere incomprensioni e aspetti problematici: custodendo in modo rigido l’idea idealizzata del partner e accusandolo di essere cambiato, non si potrà creare lo spazio condiviso per la trasformazione della coppia. È proprio in questo momento che mantenere aperta la comunicazione diventa importante. Chiudersi in se stessi o vedere l’altro come un nemico o un estraneo alimenta solo atteggiamenti non costruttivi: critiche, svalutazione, boicottaggio (per esempio non affrontando un chiarimento e chiudendosi in un ostinato silenzio), ma anche gelosia immotivata e atteggiamenti eccessivamente richiedenti.

La comunicazione è quindi il problema (quando non funziona) e insieme la soluzione. Ma affinché funzioni è necessario come primo step abbandonare pensieri tossici sull’altro o l’idea preconcetta che non possa capirci o almeno provarci. La psicologia di coppia spesso incoraggia le abilità relazionali insegnando l’ascolto riflessivo, tendenzialmente praticato ripetendo ciò che il proprio partner sta dicendo, in modo da assicurarsi di aver capito correttamente. Al tempo stesso è fondamentale porre attenzione ai propri pensieri tossici che, in maniera silente, divengono ingombranti nella relazione, ad esempio:
– i “dovresti”, ossia credere che il partner debba incontrare uno o più dei nostri bisogni, semplicemente ritenendo che lui/lei debba conoscerli. (“Dovresti sapere quanto sono confusa per questa scelta lavorativa, anche se dico a tutti che è una grande opportunità”).
– I marchi, ossia etichettare ingiustamente e negativamente il proprio partner e perdere di vista completamente le sue qualità positive. (“Sei sempre così pigro!”).
– Il match della colpa: biasimare ingiustamente e negativamente il partner per i problemi relazionali, o per problemi più importanti. (“Detesto tutto solo per colpa tua”).
– La fantasia iperattiva: giungere a conclusioni negative sul partner che non si basano sui dati reali. (“È così teso ultimamente, deve avere un’altra relazione”).
– Condannarsi alla disillusione: quando ci si focalizza unicamente sulle aspettative idealizzate, radicate nel passato. (“Tutto ciò che fa ormai è preoccuparsi del suo lavoro. È come tutti gli altri ragazzi che non si sono mai curati minimamente dei miei bisogni”).

Dunque è importante diventare consapevoli non solo della presenza bensì del grado in cui noi distorciamo, esageriamo e ci focalizziamo su questi pensieri che consumano la gioia della nostra relazione di coppia. Essere in grado di trovare le qualità e i comportamenti positivi del nostro partner è la chiave per superare questi pensieri tossici. Le coppie felici e soddisfatte hanno un modo migliore, più realistico e più salutare di pensare l’uno dell’altro. È questo modo di pensare che rende in grado di accrescere la comunicazione nella relazione, risolvere i problemi e accrescere il romanticismo. È dunque tempo di Ri-Conoscersi – conoscersi nuovamente – in maniera più matura, avendo ben presente le differenze ed i bisogni reciproci. Dalla ricchezza di queste diversità è possibile costruire un Noi basato sulla reciprocità e sulla fiducia. È qui che l’innamoramento si trasforma in amore. Le differenze con l’altro sono inevitabili, possono diventare una ricchezza o essere vissute come limite: dipende dalla capacità di ciascuno di accogliere ciò che è diverso da quanto abitualmente appreso e custodito nel proprio bagaglio.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te