La pagellina su Napoli – Sampdoria

da | Feb 3, 2019 | Calcio Napoli

La pagellina su Napoli – Sampdoria

Pagellina?
Dopo la sconfitta in Coppa Italia, diciamo la verità tenevamo il magone tutti quanti. Affrontare una squadra tosta come la Samp in questo periodo ci ha fatti dormire sul letto di chiodi come i fachiri. Da martedì notte un unico pensiero costante in ognuno di noi: e moooo? Che amma fa? Uagliù organizziamoci, chi sape giucà a pallone? Chi sta in forma per entrare? Io sono anziana, tengo gli acciacchi, il colpo della strega… ma qualcuno ce adda sta…

Quando è stata resa nota la formazione ufficiale e abbiamo visto il nome di Maksimovic, abbiamo tremato: ma che fine ha fatto Albiol? Arò sta? Io ho cercato dappertutto, pure sotto o divano, dinte o ripostiglio… Ma niente… Uscite Albiol, uagliù, il gioco è bello quando dura poco.

Poi Maksimovic ha iniziato a giocare e là ho capito che Albiol era in Maksimovich. Non so se solo spiritualmente o se l’è magnate o ver, ma là stava…

Prima di immergerci nella complessità dell’argomento trattato dalla mia pagellina, consentitemi due parole. Alla fine della partita abbiamo capito il concetto del Mainagioia. Mentre ancora saltavamo per la vittoria, la doccia fredda della notizia quasi sicura dell’addio di Marek. Che non fosse una bufala, lo si avvertiva dalle voci gongolanti dei giornalisti, manco ci stessero informando della vincita al lotto. E dal sopracciglio alzato di Ancelotti. Io ho fissato quel sopracciglio… non si è mai abbassato. Uno stare su non impertinente, ma consapevole. Guardando quel sopracciglio ho capito: 1) che la trattativa era fatta 2) che Ancelotti deve sicuramente fare le prove davanti allo specchio per avere quella espressione per così tanti minuti. E che esistono vari livelli di altezza, a seconda della gravità della notizia. Quella di ieri era defcon 1. Il livello mai raggiunto prima.

Tecnicamente quel sopracciglio significava: “Vedi quella gioia? Ecco. Posala che non è tua!”

Meret: giovane ed “aitante” il nostro portierone. Aitante dopo che KK gli ha spiegato: se non ti tuffi a cufaniello su ogni palla, “hai tante” e chilli paccheri…”. Ed il nuovo arrivo per assonanza, ha capito. Voto 6,5
Hysaj: assente nelle ultime partite ha dimostrato di essere ancora una pedina importante. Dimostrando che non sempre è necessario correre come un cavallo o essere una torre per fare bella figura sulla scacchiera. Se rimani inte e strisce, è utile pure o pedone. Voto 6
Maksimovic: completamente trasformato dopo la brutta prestazione di Milano, ha cambiato prestazione, capacità, nome e pure sesso, intercettando più palle di una pornostar. Voto 6,5
Koulibaly: sontuoso, divino. Non solo in difesa. Ma anche in attacco portando avanti una delle più belle azioni di tutta la partita. Lo stadio ha urlato il tuo nome al momento del calcio di rigore, ma per farli neri, abbiamo dovuto scegliere un altro colore. Ormai è chiaro che non è che noi siamo Koulibaly… è Koulibaly ad essere noi. Voto 7
Mario Rui: decisamente una prestazione migliore degli ultimi mesi. Finalmente sgroppi in avanti, non facendo finta ogni volta di fermarti per raccogliere un soldino da terra. Voto 6,5
Zielinski: prestazione intensa e caparbia. Hai fatto a sportellate con il tuo connazionale, riuscendo spesso ad avere la meglio. E dopo la “polacca” di Aversa, il polacco a Napoli ci addolcisce un poco l’amaro in bocca. Voto 7
Allan: non il solito Allan. Ma nettamente in ripresa. Il mercato di riparazione è un momento devastante. Siamo sicuri che il PSG non ha avuto accesso né all’allancorpo, né all’allananima? Allanima di tutti i rumors di vendita destabilizzanti. Voto 6
Diawara: entra molto bene in partita. Come un imbucato ad una festa mondana molto ben riuscita. Il problema è che a volte è come Jep Gambardella della Grande Bellezza e tiene il potere di farla fallire la festa. Ma non questa volta. Voto 6
Callejon: con la coda dell’occhio vede Milik sopraggiungere alla sua sinistra. Calcola velocità, ampiezza, vento e pure se qualche spettatore smuove l’aria con una scoreggia, per fare al polacco un assist perfetto.Voto 7
Insigne: gioca molto, recupera, corre. Fa anche un goal. Ma ciò che importa è la fase di costruzione. Sembra che qualcuno abbia finalmente capito che in un pupazzetto così piccolino, non ci vanno le pile stilo AA ma le AAA. Voto 6,5
Milik: il polacco non sembra sempre riuscire a tenere in mano le redini dell’attacco. Non sempre riesce a smarcarsi dai difensori per occupare una posizione corretta ed idonea, ma dà fastidio in area. Come un tanga, stretto tra le pacche. Non sarà utile a coprire la zona, ma senti che sta là comunque. Voto 6.5

Hamsik: “Vi amo come si amano certe cose oscure, in segreto, tra le ombre e l’anima”. Sonetto XVIII , Pablo Neruda

 

 

 

 

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te