Napoli, ancora formiche al San Giovanni Bosco. Spunta la tesi del sabotaggio

da | Gen 31, 2019 | Cronaca

Sembra non avere fine la storia delle formiche all’ospedale napoletano San Giovanni Bosco. Dopo i numerosi episodi registratisi tra novembre e dicembre dello scorso anno e il caso eclatante della donna cingalese sommersa dalle formiche mentre era intubata, oggi un nuovo ritrovamento nella stanza di isolamento del reparto di rianimazione e sul letto di un paziente. Immediato l’intervento dei sanitari per lo sgombero della sala e il trasferimento del degente.

Pochi giorni fa Francesco Emilio Borrelli, componente della commissione Sanità dell’Asl di Napoli aveva dichiarato in merito: “È inaccettabile questa situazione. Purtroppo l’ospedale, che è tra i più giovani della città, non ha mai avuto interventi strutturali. Andrà chiuso reparto per reparto per fare una bonifica definitiva”.

Secondo quanto si apprende dall’Ansa però ci sarebbero alcuni elementi sospetti sulla vicenda, non ultimo il ritrovamento di alcune bustine di zucchero aperte. Mario Forlenza, direttore generale dell’Asl Napoli 1, ha così commentato l’accaduto: “Nel giorno in cui si è riunita, per concludere i propri lavori, la Commissione di indagine dell’Asl Napoli 1 Centro nominata al fine di far luce sui ripetuti episodi di presenza di formiche all’interno dell’Ospedale San Giovanni Bosco, ecco una nuova segnalazione nel reparto di Rianimazione nonostante le ripetute disinfestazioni programmate che non si sono mai interrotte. Degno di nota – ha aggiunto – è il ritrovamento, proprio a seguito dei sopralluoghi della Commissione, di sostanze alimentari fortemente attrattive (bustine di zucchero aperte) sparse su alcuni armadietti del personale sanitario”.

Sul caso sta indagando la Procura di Napoli.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te