Fabian Ruiz fenomeno a tutto campo

da | Gen 21, 2019 | Calcio Napoli | 0 commenti

Milik sfonda la porta e Callejon ritrova il gol
Il ciuccio vola più in alto dell’aquila

Non c’erano e nessuno se n’è accorto. Senza la spina dorsale solita: Koulibaly, Allan, Insigne. Uno spettacolo lo stesso. Gli azzurri sono i nostri Rigoletto, insomma mobili come la donna. E si divertono nel costringere a farsi nome in campo il Ciro di Torre Annunziata: immobile. Finalmente, in mezzo al campo – ma dovunque lo porti l’istinto – quel fenomeno di classe genuina che è Fabian Ruiz, un portento che sembra uscito dal passato e tanto assomiglia a quello Schuster Bernhard detto Bernd che fu dispensatore immenso di palloni in blaugrana (Barcellona), in bianco (Real Madrid), in biancorosso (Atletico di Madrid) e nella squadra della città delle aspirine: il Bayer di Leverkusen. Vorrei parlarne con Adani detto Lele, sempreché lo conosca. Lazio ridotta a Lazietta: aggredita, percossa, circuita, ‘nzallanuta, sorry. Tocchi, triangolazioni, verticalizzazioni e fughe verso la vittoria. E poi lui, il polacco che secondo me ama la musica e ascolterà l’inno alla gioia (Beethoven) perché lui è un inno alla gioia della seconda vita dopo aver tribolato per un periodo lungo assaje. Il polacco che si chiama Arkadiusz che sarebbe Arcadio, nome nobilitato dalla penna favolosa di Garcìa Marquez in Cento anni di solitudine.

Milik, candido come il bianco del latte e amico del legno ma non fa, si sa, il falegname. Ne ha incocciati due (uno aiutato da Strakosha), imitato da Fabian Ruiz (grande giocata dello spagnolo per liberarsi al tiro). Danza aperta da Milik col rumore del legno e quindi i tre minuti che sconvolsero il mondo biancoceleste. Callejòn che torna al gol su invito al bacio di Ciro Mertens, indovinando un corridoio stretto e non per caso il suo nome questo significa: strettoia, corridoio. Non segnava dal 20 maggio, ‘o mese d’e rose.

E poi, la punizione maradoniana – non c’è bestemmia – del polaccone: sinistro doce doce a togliere la ragnatela dal sette di Strakosha, si dice così. Giocherà venticinque minuti in superiorità numerica – per l’espulsione di Acerbi, doppia ammonizione – con un pizzico di sofferenza non prevista, ma è la bellezza del calcio. Con l’immobile che si ritrova Immobile e che impegnerà Meret prima e poi l’infilerà su servizio al bacio di Correa. Ecco, Correa. Un fior di giocatore che l’Inzaghi-due tiene inspiegabilmente in panca. Misteri del calcio. Aiuteranno nel finale i cambi di Sopracciglio Alzato: Verdi per Diawara, Ounas per Mertens, Hysaj per Callejòn. Scampoli di gioco in un finale di lotta: Meret che neutralizza Luis Alberto, Ounas che indovina a metà una girata al volo. In attesa che giochi col Chievo, a meno sei da Madama. Ed a più sette dall’Inter frenata in casa dal Sassuolo. Quell’Inter che, a detta di Spalletti, avrebbe puntato gli azzurri per scavalcarli in classifica e sedersi sulla seconda cadrega del campionato. Buuuu. Sorry

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te