Moby entra nel “Club dei Superbrands”: la compagnia premiata per originalità, innovazione e qualità del servizio

da | Gen 18, 2019 | Cronaca | 0 commenti

Super non certo per autoesaltazione. Super per qualità del servizio, super per originalità del prodotto, super per impegno nell’innovazione…

È da un lungo elenco di eccellenze che scaturisce per Moby l’ingresso nel “Club dei Superbrands”, il più importante programma di qualificazione e valorizzazione della marca a livello globale, nato in Gran Bretagna nel 1994 e oggi diffuso in oltre 90 Paesi del mondo.

Il progetto “Superbrands” nasce con l’intento di celebrare le storie di successo dei brand che fanno la differenza grazie ad un’innovazione rilevante, all’autenticità del modo con cui agiscono sul mercato e soprattutto all’assunzione di grandi responsabilità nei confronti dei dipendenti, dei clienti e dei consumatori, ma anche del pianeta e della società.

E Moby è tutto questo: una compagnia fortemente innovativa, la prima che ha intuito la potenzialità di decorare le navi per renderle più accoglienti nei confronti dei propri passeggeri, la prima che ha investito in allestimenti e servizi inediti che le consentono di primeggiare sul mercato per qualità del servizio offerto, puntualità e capacità nell’intercettare i bisogni della clientela che derivano da oltre 130 anni di tradizione ed esperienza nel settore dei trasporti marittimi.

Ma Moby è anche un’azienda responsabile, una compagnia che investe sul proprio personale, tutto italiano, per garantire le migliori professionalità al servizio della clientela ma, perseguendo allo stesso tempo, il benessere dei propri collaboratori e dei numerosi territori in cui opera.

Insomma, se esistesse una definizione di esclusività e di eccellenza, di capacità di primeggiare nel proprio settore e di essere apprezzata come tale dai propri clienti, questo sarebbe il club dei Superbrands ed il fatto di entrarne a farne parte è per Moby sia motivo di vanto che una grande soddisfazione.

 

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te