Il calciomercato entra nel vivo. Si muovono tutte le “grandi”. Adl legato al destino di Allan

da | Gen 14, 2019 | Calcio Napoli | 0 commenti

Si muovono tutte, grandi e piccine. Non è il ballo di San Vito, è la finestra di mercato bellezza. Per la gioia dei bla-bla-bla radiotelevisivi e delle penne di carta scritta. Ognuno dice la sua. Alimentando sogni e speranze degli appassionati. Gli amministratori fan di conto e c’è chi si lecca i baffi in previsione della cessione d’oro, magari compensata da una d’argento. Aurelio Primo non ci sta nella pelle. Perché il fresco sessantenne Sarri (auguri, capitano) vorrebbe con sé dalle parti di Cobham il fido Hysaj. E Al Khelaifi da Parigi sta facendo una corte spietata a Sammy Davis junior, cioè il prode Allan che ha conquistato anche il Brasile con i suoi garretti poderosi. Sponsorizzato in maglia giallo-oro dal tutto finte Neymar che ebbe la ventura d’incrociarlo in Champions nelle due sfide tra Napoli e Psg. Cento milioni (uanema d’o Priatorio!), tanto sarebbe disposto a spendere il Psg (sigla che sa tanto di treno veloce) pur di avere il settepolmoni azzurro. Lavezzi e uno, Cavani e due, Allan e tre? Ne hanno fatti affari insieme Alk e Adl. Resterebbe da vedere che cosa ne pensi il fiero Carletto tutto preso dall’idea, al momento, di ritirare gli azzurri dal campo al prossimo buuu. Ti prenderei Barella, gli avrebbe sussurrato Aurelio Primo, e resterebbe anche più di qualcosa in cassa. Non si sa che cosa Carletto avrebbe replicato. Sicuramente che il piccolo grande sardo gli andrebbe bene. E che Allan è comunque un top già affermato. E che, magari, sarebbe conveniente per tutti rinviare il discorso a giugno, perché così si avrà modo di vedere che cosa farà Hamsik che potrebbe diventare cinese per capitalizzare il fine carriera. E incasserei pure una trenitina di milioni, ragiona Aurelio Primo. E un centrocampo tutto da rifare, pensa Carletto. E non soltanto, eventualmente, il reparto di mezzo. Perché Adl e Preziosi hanno messo su un bel gioco prezioso e dunque Kouamé l’ivoriano potrebbe lasciare il giocattolaio ed approdare alla corte del produttore cinematografico che neanche i cinepanettoni produce più, preso com’è da Napoli, fortuna mia, e da Bari che promette di venir su dalla morta gora in cui si trova. Kouamé è un peperino che non vi dico, personalmente son convinto che è prospetto di campione avendo buona tecnica e velocità supersonica e tanto ritmo nelle gambe lunghe e forti. E poi è tipo che rende bene dovunque lo scacchiere tattico lo collochi. Sa giocare da seconda punta e da tornante e crea scompigli quando è vicino all’area avversaria. Il tipo di giocatore che piace a tutti gli allenatori, per forza fisica e versatilità, e quindi piacerà anche a Carletto che non vede l’ora di impostare il futuro Napoli, il suo Napoli, sui binari dell’amato quattro-quattro-due. Si vedrà.

Intanto, dovremo abituarci per tutto il mese di gennaio a voci e controvoci, nomi sparati per attirare l’interesse dei tifosi, da Nord a Sud passando per il centro. L’ultimo abbinato alla maglia azzurra è il nome di Lozano, messicano, esterno d’attacco con buona mira che milita nella squadra olandese del Psv che ha sancito l’eliminazione dell’Inter dalla Champions. Dovesse arrivare Lozano, che fine farebbe Verdi? Ah saperlo. Meno male che c’è la ripresa del campionato con un Napoli-Lazio intrigante assai.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te