Marek Hamsik: “Del 2018 ricorderò sempre il calore dei tifosi al rientro dalla vittoria a Torino. 2019? Tutto è ancora possibile”

da | Dic 30, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

“Abbiamo iniziato il 2018 al primo posto in classifica, giocando un ottimo calcio. Ma non siamo riusciti a sfruttarlo e la Juventus ha vinto il titolo. Ma ricorderemo il bentornato riservatoci dai tifosi dopo la vittoria a Torino con la Juventus. Quasi 25 mila tifosi ci aspettarono all’aeroporto, fu molto bello. Ora siamo al secondo posto, ma abbiamo nove punti di distanza dalla Juve. Restano ancora 19 partite fino al termine della stagione, tutto è possibile”.

Bilancio di fine anno per il capitano Marek Hamsik. Al suo sito ufficiale il centrocampista slovacco ha affidato ricordi, pensieri, riflessioni ed emozioni del 2018 e i propositi per il 2019.

Sulla Champions
Abbiamo giocato grandi partite contro squadre forti nel girone. Siamo riusciti sempre a fare buone prestazioni, ma non è stato abbastanza. Ora dobbiamo proseguire nell’Europa League, competizione in cui vogliamo andare il più lontano possibile”.

Sui record nel Napoli
Sono felice di essere entrato nella storia del grande Napoli dopo aver superato Maradona per numero di gol. Apprezzo tutti i record che ho battuto, sono orgoglioso di essere qui da 12 stagioni. È davvero incredibile. Faccio parte della storia di questo club e ne vado orgoglioso, i tifosi poi sono davvero unici. Apprezzo pure tutti i premi ricevuti in questo 2018. Sono diventato il miglior calciatore della Slovacchia ed è stato un onore. Sono diventato anche cittadino onorario di Castel Volturno””.

Sugli allenatori passati e presenti
Sia Ancelotti che Sarri sono due allenatori fantastici. Mister Sarri ha fatto un ottimo lavoro, per tre anni abbiamo giocato un bel calcio, che tutti in Europa hanno ammirato. In estate poi c’è stato il cambio ed è arrivato Ancelotti, che ha già vinto molto in Europa. Abbiamo cambiato il nostro modo di giocare, ma stiamo andando bene e riusciamo ancora a mostrare un buon calcio”.

Sul 2019
Mi auguro innanzitutto di stare bene, sia io che la mia famiglia. E poi sarei felice di vincere un trofeo col Napoli. Attualmente siamo in corsa in Serie A, in Coppa Italia e in Europa League. Il 2019 sarà importante e impegnativo, anche per la nazionale”.

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te