La pagellina su Inter – Napoli. Koulibaly come il Bambiniello, il vero protagonista del periodo di Natale

da | Dic 27, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

La pagellina su Inter – Napoli

Pagellina?
Come ci insegna il professore in Così parlò Bellavista i milanesi preferiscono l’albero di Natale, i napoletani il presepe. Ecco perché l’Inter ha portato in campo le palle e noi le belle statuine. Ancelotti ha stravolto la formazione ispirandosi alla nouvelle cuisine: un po’ come mettere sugli struffoli le papaccelle, invece dei canditi.
Quando ho visto i giocatori schierati in campo ho pensato: a Natale noi ci abbiamo dato dentro con il cibo, ma Carletto ci è andato giù pesante con il vino.
Koulibaly e Insigne si sono abbuffati così tanto durante le feste che i pantaloncini gli andavano stretti e, per questo, il loro cervello non era bene ossigenato. Ciò spiega in parte i loro gesti, che si potevano sparagnare così come a casa mia potrei sparagnare di preparare l’insalata di rinforzo, visto che non la tocca mai nessuno e nun serve a niente.
Il goal di Lautaro al 91′ è stato come l’ultimo morso di roccocò, che ti scassa il dente e ti intossica non solo quello che ti sei mangiato in due giorni, ma tutto il Natale.

  • Meret. Icardi ha cercato di fargli un regalo al fischio di inizio. Ma il nostro portiere non ha gradito il dono e si è conservato lo scontrino per cambiarlo. Voto 6
  • Mario Rui. Nessuna idea brillante, né iniziativa efficace. Come la pasta e patane con la scorza, che ha il suo perché a tavola, ma che non fa parte del pranzo di Natale. Voto 6
  • Allan. Si è dimenato a centrocampo come il capitone prima di essere fritto: con movimenti inconsulti del corpo, ma senza capa. Voto 5
  • Koulibaly. Come il Bambiniello, è il vero protagonista del periodo di Natale. Alla fine, muore e a noi non resta che sperare che risorga dopo due giorni, invece di tre. Voto 6,5
  • Insigne. Il baccalà salato che ho fritto alla Vigilia aveva più vitalità. Una prestazione da tombolata noiosa, con il parente rompicog… che urla ambo al primo numero e che domanda sempre: è asciuto o 24? È asciuto o 24? Fino a che nun esce. E tu scopri che nun ho teneva manco ‘ngoppe a cartella. Voto 4
  • Albiol. Prestazione sufficiente fino all’espulsione di Koulibaly. Ma è logico: sul presepe il bue tiene senso solo se ci sta pure l’asinello. Voto 6
  • Fabian Ruiz. È entrato in campo come l’ospite che viene a cena con la voglia di far baldoria, ma perde ogni gioia, quando è costretto a sedersi vicino all’ipocondriaco che per tutta la serata gli elenca i sintomi delle sue malattie. Voto 6
  • Zielinski. È come l’ostrica che campeggia in mezzo a gusci vuoti. 89 minuti per aprirla per poi scoprire che non solo non contiene la perla, ma forse non è manco tanto fresca. Voto 6
  • Callejon. Ancelotti lo fa partire da terzino. Nessuno gli aveva spiegato che il “3/2/1” segnato sul foglio, non era un nuovo modulo di gioco, ma la ricetta per lo Spritz. Con l’entrata in campo di Maksimovich ritorna nella sua posizione originale, ma aveva già perduto “o suonne e a fantasia”. Voto 5,5
  • Maksimovich. Entra in campo senza un minuto di riscaldamento, una preghiera, e nemmeno un ktm. Prestazione convincente fino a che sul goal di Lautaro si distrae a guardare la scia della stella cometa. Voto 5,5
  • Milik. Come il panettone con i canditi a casa mia. Si compra ogni anno, si conserva intatto sul frigo, e poi si butta a Pasqua. Ed io mi chiedo puntualmente perché l’ho comprato. Voto 5
  • Mertens. Dovevi essere il bicchiere della staffa per chiudere in bellezza la serata. Ma un bicchiere di citrosodina forse era meglio: almeno ci avrebbe fatto digerire, e non avremmo adesso questo peso sullo stomaco. Voto 5,5  
Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te