Il Napoli è come un pugile. Ma gli manca l’ultimo “step”

da | Dic 17, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

L’analisi. La squadra di Ancelotti lotta e non molla mai. Ora, però, serve il salto di qualità

Come un pugile che lavora ai fianchi l’avversario meno dotato, aspettando il momento giusto per sferrargli il colpo del KO, il Napoli ha vinto a Cagliari contro una squadra mai doma ed in grado, soprattutto nel primo tempo, di tener botta contro l’ennesima formazione mandata in campo da Ancelotti. E la sorpresa di ieri è stata proprio la squadra schierata da Ancelotti: fuori Insigne, Mertens, Hamsik, Callejon, Albiol e Mario Rui e dentro Ounas, Milik, Diawara, Zielinski, Malcuit e Ghoulam. Certamente De Laurentiis non potrà proprio lamentarsi del turnover ampiamente sfruttato dal suo allenatore… Questa volta, però, e spero di non sbagliarmi, avverto sensazioni positive e unità d’intenti tra presidente e allenatore.

Dopo Liverpool nessuno che abbia criticato l’atteggiamento della squadra o abbia esternato per il poco sfruttamento della rosa a disposizione (ricordate il dopo Real a Madrid?). Rammarico, sicuramente, per un’occasione persa, ma Ancelotti, da par suo, ce l’ha messa lui la “ciliegina” sulla torta in sede di commento dichiarando con grande onestà intellettuale: “Sono soddisfatto del comportamento dei ragazzi perché hanno dato tutto. Perché sono anche convinto che loro (il Liverpool, ndr) se avesse ro avuto bisogno del secondo gol ce lo avrebbero fatto”. Stop. E Chapeau ad Ancelotti. Chi ha orecchie per intendere intenda, capisca e traduca praticamente il senso delle parole del tecnico. Non c’era né afflizione né rabbia in Ancelotti. Appena un accenno a quel “pizzico di fortuna” mancata che avrebbe potuto favorire non solo l’impresa ad Anfield Road ma, molto di più, il passaggio del girone che avrebbe avuto del miracoloso o quasi.

Ancelotti, da uomo di calcio con mille battaglie vinte o perse, ha analizzato a caldo, con grande lucidità, e vi garantisco non è da tutti, il reale valore e potenziale di questo Napoli. Una squadra che ha limiti non solo caratteriali, tipici della squadra che ha tanti buoni giocatori ma manca di un leader in campo per personalità e carisma. Ha capito, Ancelotti, ma soprattutto ha fatto capire che questa squadra, per quanto forte e solida anche come gruppo, è ancora lontana dalla forza, dalla qualità, fisica e mentale, dei più forti club europei, come Liverpool ha dimostrato. La “rivoluzione” di Cagliari ha dimostrato una volta di più, se mai ce ne fosse bisogno, che il tecnico ha ormai piena conoscenza delle qualità dei singoli e del gruppo e che più di tanto non si può ottenere se si vuol pensare ad un grande Napoli europeo. Signori, il dibattito è aperto. Anzi, mi spiego meglio: ci sarà un discorso franco e costruttivo tra Ancelotti e De Laurentiis a fine girone d’andata, nella immediata prossimità del mercato di gennaio, o accadrà ciò che è già successo prima con Benitez e poi con Sarri?

Ecco, il riferimento a quelle positive sensazioni personali di cui sopra, nasce dal fatto che Ancelotti s’è dimostrato aziendalista assoluto. Perché ora è di evidenza lapalissiana che non è certo un caso se il Napoli, per la seconda volta in poche stagioni, ha fallito il passaggio agli ottavi di Champions per un gol in meno segnato o una differenza reti sfavorevole. In quel gol, in più o in meno, c’è la storia del Napoli, del bel Napoli di questi ultimi anni. Una squadra che gioca bene, diverte, emoziona, ma alla quale manca, non per colpe sue, la forza di compiere l’ultimo step, il più difficile ma anche il più costoso. Ma anche quello decisivo per fatturare e incassare i milioni di euro dei diritti Champions, di quelli televisivi internazionali e di sponsorizzazioni milionarie in doppia cifra. De Laurentiis, da uomo di spettacolo e da imprenditore di successo ma oculato, non può non riconoscere che Ancelotti c’ha messo e dato tutto in questa Champions, ha valorizzato una rosa ampia ma i cui valori se vanno bene in Italia non possono realizzare “imprese” in Europa. Non è più, a mio sommesso avviso, solo questione di soldi, ma anche di volontà di creare in concreto, da parte di DeLa, un Napoli, società e squadra, di dimensione europea. Carlo Ancelotti, come hanno dimostrato anche i tre punti e le scelte di Cagliari, sia in campionato che in Champions ha sbagliato zero o quasi, ottenendo il massimo dal gruppo, moti vato e sempre sul pezzo. Farà lo stesso in Europa League e in Coppa Italia, ma solo il presidente potrà aiutarlo a realizzare quel progetto biennale per vincere in Italia e andare al massimo nell’Europa che conta.

E sono convinto, a differenza del passato, che questa volta il Presidente-padrone ascolterà il suo allenatore. Perché dopo Liverpool e la vittoria di Cagliari c’è una lezione soprattutto per lui: deve capire che facendo solo di testa sua non diventerà mai grande né ricco. È stato bravo, a differenza di un Pallotta che ormai guida senza amore la Roma come un’azienda anonima e fastidiosa e i risultati sono sotto gli occhi di tutti, a non vendere i suoi migliori giocatori, ma deve diventare bravissimo nel compiere l’ultimo sforzo. La fortuna, che s’è procurata da solo, è di avere un tecnico come Ancelotti, grande allenatore e a suo modo ottimo manager, ma soprattutto uomo di esperienza e onestà intellettuale che deve dimostrare niente a nessuno. Sono certo che Ancelotti riuscirà nell’impresa in cui altri hanno fallito, pensando in primis al loro futuro: fare del Napoli una potenza. Questione di feeling. Ancelotti come la grande Mina per un Napoli da hit internazionale.

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te