Siamo fuori dalla Champions ma Ancelotti pensa già all’Europa League. Il Napoli esce sconfitto dall’Anfield, con uno dei pochissimi risultati che lo eliminavano, cioè l’1-0 tanto discusso dopo la partita con la Stella Rossa.
Infatti, proprio quel gol incassato dalla Stella Rossa, mentre si era in completo controllo della partita, con un netto 3-0, ci condanna all’eliminazione. Il Napoli non è riuscito a segnare, purtroppo non sono state colte quattro cinque palle gol, dall’errore di Callejon a quello di Milik (stile Milan – Napoli dello scorso anno). Eppure la partita non era iniziata male, infatti i primi 10 minuti il Napoli aveva tenuto bene il campo, ma poi pian piano è scomparso dal campo subendo il gioco del Liverpool, poi uno dei peggiori in campo, si lascia sfuggire Salah che sullo slancio salta Koulibaly che lo accompagna dove l’angolo di tiro è molto stretto e purtroppo, Ospina per anticipare il passaggio dell’attaccante del Liverpool si fa imbucare sul suo palo. Il Napoli non riesce a segnare e lascia una competizione che più volte aveva dimostrato di meritare, sfatando i pronostici iniziali che lo vedevano la vittima sacrificale, assieme alla Stella Rossa di Belgrado, di Liverpool e Psg, invece giocando grandi match ha tenuto tutto in gioco fino all’ultimo secondo della partita dell’Anfield, non riuscendo però a sfatare il pronostico dell’eliminazione.
Si va in Europa League e a detta di Ancelotti, non a fare comparse, il Napoli è forte e potrà lottare fino alla fine di questa competizione, puntando magari anche a vincerla, visto che un titolo Europeo a  Napoli manca ormai da 30 anni.