Meret, Ghoulam, Younes e Ounas: quante sorprese sotto l’albero azzurro

da | Dic 10, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Il commento. Contro il Frosinone prova superata per i tre reduci da infortuni all’esordito in campionato. Bene anche l’algerino

La Ciociaria è cara terra, genuina, dove si mangia bene. Il calcio è un’altra cosa. Mai visto nel tempio sanpaolino una squadra più scarsa. Uno sparring partner che aveva il timore di boxare e infatti ha preso quattro sberle in pieno volto. Un buon allenamento in vista del martedì di Liverpool. C’era il pericolo che gli azzurri affrontassero i frusinati con il passo lemme e svogliato che costò due punti d’oro con il Chievo. Idea peregrina perché il Carletto, che dormirà anche prima e dopo la visita alla città dei Beatles, ha confessato nell’intervista a Veltroni che per lui lo stress, se c’è, si vive solo nei novanta minuti di un match. Vivaddio, un tecnico che è raro come una mosca bianca nel panorama dei tanti, troppi nervosetti che si aggirano nei pressi delle panchine del tormento. E dunque in mostra tutte le novità della casa.

Il portierino Meret che s’era fermato a Dimaro. Il ritorno di Ghoulam che mancava dal novembre dello scorso anno. Il giovane Luperto che ha spedito Koulibaly a destra. Il possente Milik confermato dopo la prodezza di Bergamo che fa doppietta e sfiora il tris che gli avrebbe consentito di mettere il pallone sotto l’albero di casa. E zitto zitto il polaccone raggiunge a quota sette gol i compagni di reparto Insigne e Mertens, quei piccoletti terribili. E quindi Ounas il francoalgerino che è stato il migliore in campo, di gran lunga, dimostrando di essere molto più che una seconda, terza scelta: tecnica, velocità, stop che sono una delizia, dribbling funambolici e pure un gran gol dalla distanza con leggero aiuto di una schiena ciociara. Perché Adam s’era un po’ rotto di giropalla e tanto fumo e poco arrosto ed allora ha deciso di mettere al sicuro il tutto, da lontano. Risultato già in cassaforte dopo il sinistro apriscatola di Zielinski. E verranno i sigilli di Milik nella ripresa. Con il primo gol segnato di testa in campionato come c’hanno ricordato i dioscuri Sky, con la seconda voce pellegrina assai che pretendeva di più dai frusinati: s’avvicina il Natale e siamo tutti più buoni, okay? Dal calcio d’angolo aveva battuto Ghoulam che ha fornito anche l’assist per il secondo gol del polaccone.

Sorprese su sorprese. Perfino Younes il tedesco di origini libanesi che una volta spariva e non si sapeva dov’era e che è tornato, figliol prodigo, perché il Carletto senza stress è amorevole come un padre e però quando c’è da incazzarsi, nel suo piccolo s’intende, s’incazza, come le formiche. Che altro dire di una partita-monologo che comunque ha sancito distacco invariato da Madama e più sei sulla Beneamata che era caduta la notte prima in ginocchio da Lei? Più che dire, penso che Meret avesse voglia di mettersi in mostra e che invece ha preso soltanto freddo: un interventino su pallonetto lungo e infido di Maiello e una leggerezza in uscita in condominio con Luperto. Il portierino fu pagato tanto, un investimento. Ha perduto quasi mezzo torneo per infortunio. Ho l’impressione che Sopracciglio Alzato centellinerà le sue prossime presenze. E che questo Milik gli darà molto da pensare in vista di Liverpool perché non sarà semplice decidere se lui o Mertens. Ed anche sul ballottaggio tra Ghoulam che ha finito con la fascia di capitano al braccio e Mario Rui il portoghesino che il suo lo fa sempre, anche lo svarione però. Preoccupa un po’ la rete perduta di Lorenzinho. Non segna dalla partita con l’Empoli ed ha sciupato di brutto – anche se una volta sola – a due passi da Sportiello. Ma si sa che Lorenzolo si esalta in Europa. E allora, una magìa contro i Reds e pace fatta. A Liverpool ci vuole qualcosa di magnifico. Che si sorrida nel girone della morte.

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te