Addio a Ennio Fantastichini: l’attore amato da Ozpetek e Virzì

da | Dic 1, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Si è spento oggi 1° dicembre all’età di 63 anni l’attore italiano Ennio Fantastichini ricoverato a Napoli per una grave forma di leucemia.
L’artista, nato in Galles il 20 febbraio 1955, è stato uno dei maggior interpreti del cinema italiano degli ultimi trent’anni. Nel 1991 con la perfetta prova attoriale nel film Porte aperte (1989) in cui interpreta il personaggio di Tommaso Scalia, accanto al suo maestro Gian Maria Volontè, Ennio si aggiudica il Nastro d’argento come miglior attore non protagonista. L’ascesa di Fantastichini percorre per intero gli anni 90 ed è costellata da successi. Dopo aver recitato in numerose serie tv (La Piovra, Squadra antimafia, Giovanni Borsellino) si impone sul grande schermo al fianco dei migliori registi in circolazione come Paolo Virzì (Ferie d’agosto, 1996) e Ferzan Ozpetek (Saturno contro e Mine vaganti). La  magistrale interpretazione del duro e severo padre di famiglia Vincenzo Cantone in Mine vaganti di Ozpetek (2010) permette all’attore di origine gallese di vincere il David di Donatello come miglior attore non protagonista.

Tra le passioni di Fantastichini c’era anche il teatro ed in un’ultima intervista affermava di voler crescere sempre di più dal punto di vista professionale: «Non considero la mia vita conclusa e non ho alcuna intenzione di andare in pensione. Voglio riprendere del tempo per me e riuscire finalmente a fare un po’ le cose che desidero e che, finora, non sono riuscito a godermi. In un certo senso intendo vivere una nuova adolescenza».
Purtroppo non sapremo mai quanto ancora questo favoloso interprete avrebbe potuto donarci.

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Martedì scorso gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti all’interno della stazione metropolitana di piazza Amedeo per la segnalazione di una tentata rapina commessa da un uomo armato di un coccio di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te