Dehors, proroga scaduta ma manca il regolamento. Pisani: “E poi si parla di turismo, lavoro, sviluppo…”

da | Nov 22, 2018 | Cronaca | 0 commenti

Stop! L’ennesima proroga per l’occupazione di suolo pubblico è scaduta il 31 ottobre 2018. Quindi, nonostante i pagamenti e i sacrifici di tanti imprenditori, ora è tutto fuorilegge e non ci dovrebbe esser su strada nessun tavolo, nessuna sedia, nessun gazebo. Come spiegare tutto questo ai turisti e ai poveri lavoratori?“. Tuona così, Angelo Pisani, presidente di Noi Consumatori, indignato per quanto accaduto. Le regole definitive per l’estetica dei dehors cittadini, non sono ancora infatti state definite a livello comunale.
Gli esercenti dei locali commerciali vomeresi, stanchi delle numerose multe per i tendoni laterali che sono costretti a mettere in caso di pioggia e vento per garantire il servizio agli avventori si erano già rivolti all’avvocato per la tutela dei loro diritti e interessi e per proporre all’amministrazione di stilare un nuovo regolamento di occupazione suolo comprendente non solo il giusto pagamento ma anche l’autorizzazione ai dehors, e più in generale l’idoneo utilizzo degli spazi locati.
Penso che sia inaccettabile ed altrettanto vergognoso subire una multa e una diffida a eliminare tavoli e sedie della propria attività, con conseguente licenziamento di personale, per il mancato rinnovo o rilascio del permesso di occupazione suolo nonostante il pagamento dello stesso solo per incapacità delle istituzioni, o a causa della della scadenza (al 31 ottobre 2018) dell’ennesima proroga a causa del mancato accordo tra amministrazione e sovrintendenza – conclude Pisani -. Poi questa politica vuole parlare di sviluppo, lavoro, turismo… Come avrebbe detto Totò: Ma fateci il piacere!”.
“Un contratto autonomo per gli infermieri”

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

Il presidente del sindacato Nursing up, Antonio De Palma: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui. E vanno garantiti subito uno stipendio degno e l’indennità di specificità infermieristica” “Perché la nostra...

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te